Fondi esteri, nella legge di Bilancio spunta un assist fiscale

A
A
A
di Redazione 18 Dicembre 2020 | 10:00

Uno sgravo fiscale ai fondi che può dare una mano anche a Piazza Affari. Come riporta Il Sole 24 Ore, infatti, tra le pieghe della legge di Bilancio 2021 in approvazione è spuntata una norma che mira a ridurre, fino anche a eliminare, la tassazione a cui fondi europei – di investimento collettivo oppure alternativi – sono sottoposti quando ottengono dividendi o plusvalenze da società italiane.

Oggi, nella maggior parte dei casi, si resta soggetti alla norma di base, che sottopone i dividendi erogati da società italiane verso l’estero a una ritenuta alla fonte del 26 per cento. Ed è proprio su questa disposizione che si intende agire, prevedendo un regime di esenzione che si estende anche alle plusvalenze realizzate dai fondi internazionali alle partecipazioni qualificate italiane, anche queste soggette a un’imposta sostitutiva della stessa aliquota. Di fatto, una parificazione di trattamento delle società estere a quelle italiane.

La modifica, nelle aspettative, dovrebbe aprire il campo a soggetti esteri pronti a investire sugli asset italiani, oggi scoraggiati da un trattamento fiscale più penalizzante rispetto ad altri paesi europei. Per lo Stato italiano si tratterebbe di una modesta perdita di gettito, a fronte però di un aumento della capitalizzazione delle società quotate a Piazza Affari che potrebbe arrivare anche a 60 miliardi di euro secondo Antonio Cesarano, chief global strategist di Intermonte, interpellato dal quotidiano di Confindustria.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: SG domina i valutari a leva

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 14/10/2021

Top 10 Bluerating: Ubs bis per la Sterlina

NEWSLETTER
Iscriviti
X