Arrivano i Pir “col paracadute”

A
A
A
di Andrea Giacobino 29 Dicembre 2020 | 08:30
La manovra 2021 introduce il bonus fiscale per non far perdere soldi a chi investe nei Piani individuali di risparmio.

Arrivano i “Pir col paracadute”. La manovra 2021 appena approvata dalla Camera introduce infatti la possibilità di avere un nuovo credito d’imposta in caso di perdite sui piani individuali di risparmio rendendo così più conveniente investire nei Pir L’attuale legge di Bilancio prevede un credito d’imposta per un valore pari alle perdite, alle minusvalenze e al rapporto negativo che deriva da un piano di risparmio a lungo termine costituito al 1° gennaio 2021 e per gli investimenti fatti entro la fine del prossimo anno. Il tax credit spetta alle persone fisiche a cui è intestato il piano, a condizione che il Pir venga mantenuto per almeno cinque anni e che il credito non superi del 20% le somme investite nel citato piano.

Il credito d’imposta verrà utilizzato in dieci quote annuali di pari importo nella dichiarazione dei redditi, a partire da quella che riguarda il periodo d’imposta in cui si registrano le perdite, ovvero in compensazione con F24. Ad esempio: un risparmiatore riscatta dopo cinque anni un Pir in cui ha investito 100mila euro e risulta una perdita di 30mila euro. Avrà diritto ad un credito d’imposta di 20mila euro (il 20% del capitale investito), da utilizzare in dieci rate annuali di pari importo nella dichiarazione dei redditi (2.000 euro l’anno). Inoltre, può dedurre la differenza tra le perdite ed il credito d’imposta (10mila euro, cioè la differenza tra i 20mila di credito ed i 30mila di perdite) dalle plusvalenze e dagli altri redditi dei quattro periodi di imposta successivi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Pir, una flop story di successo

Nuovi Pir per indirizzare risparmio privato verso economia reale

Pir 3.0, la griglia di partenza delle reti

NEWSLETTER
Iscriviti
X