Fondi, su quelli italiani pesa la zavorra dei costi

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Febbraio 2021 | 10:29

Le case di gestione italiane hanno subito il sorpasso di quelle straniere sul piano delle performance, a pesare ci sono anche i costi superiori applicati dalle case di gestione. A dirlo è un articolo del Sole 24 Ore a firma di Maximilian Cellino, il quale commenta il report del centro studi Tosetti Value, uno dei principali multi-Family office in Europa, che passa in rassegna a cadenza trimestrale performance e costi di tutti i prodotti Ucits distribuiti in almeno un Paese europeo. Lo studio si concentra sui fondi a lungo termine, attivi e passivi con esclusione degli Etf, gestiti dalle prime 250 società per attivi.

Ebbene, nel 2020, si fa notare come i fondi italiani abbiano registrato una performance inferiore rispetto ai colleghi europei a causa di un’esposizione più cauta all’azionario. Una distanza di performance che si fa più netta se si considera il triennio 2018-2020: cento euro impiegati nel 2018 si sarebbero, in media, trasformati in 104,51 euro se affidati a una casa d’investimento italiana. Mentre se si fosse scelta una delle Top 30 europee (nel quale c’è dentro anche il gruppo Intesa Sanpaolo fra i nostri asset manager), il montante medio si sarebbe spinto fino a 114,36 euro.

A incidere su questo dato, oltre alle differenti strategie, anche le commissioni applicate dai gestori. Su questo campo, infatti, lo studio di Tosetti Value rileva che Commissioni e oneri hanno pesato in Italia per l’1,43% nel 2020. In Europa, invece, per meno dell’1%. Se il focus si sposta a livello triennale, i costi fissi hanno sottratto all’Italia fino al 6,88% a performance totali già meno scintillanti di quelle dei colleghi europei.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

T. Rowe Price, evento sull’azionario Usa insieme a Facebook

Etf, debutta in Italia il primo prodotto puro sull’idrogeno

Governo Draghi, da gestori e analisti arriva un coro di “sì”

NEWSLETTER
Iscriviti
X