Asset allocation: 8 mosse per investimenti davvero responsabili

A
A
A
di Redazione 17 Marzo 2021 | 16:21

A cura di Roland Rott, CFA, Head of ESG&Sustainable Investments Research per il Gruppo La Française

L’enorme varietà di approcci alla riduzione delle emissioni di carbonio è una sfida analitica per gli investitori. Non ci sono due obiettivi uguali e anche riguardo la qualità si evidenziano molte differenze. Il solo panorama relativo al Net Zero è stato definito come “il selvaggio West”. Alcune aziende hanno fissato obiettivi che richiedono ingenti riduzioni delle emissioni in tutta la loro catena del valore e la trasformazione in modelli di business compatibili con un’economia Net Zero; altre hanno fissato obiettivi che richiedono solo riduzioni limitate delle emissioni e che si basano su pratiche di compensazione. Il linguaggio è un ostacolo che rende difficile il confronto e la mancata standardizzazione degli obiettivi crea un’ulteriore sfida.

Come possono gli investitori valutare le ambizioni di un’azienda?

Gli investitori possono superare questa complessità attraverso un’analisi bottom-up delle componenti degli obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio. Di seguito sono riportate alcune domande chiave che gli investitori devono porsi. È poi necessario il confronto all’interno delle stesse macro-categorie per giudicare il livello di ambizione e di credibilità. 

Anno in target: L’azienda ha fissato un obiettivo a breve termine? Molte aziende hanno stabilito dei target per il 2050. Tuttavia per almeno un altro decennio non si potrà valutare il grado di responsabilità sul raggiungimento degli obiettivi del 2035 e oltre. Per questo motivo, è imperativo introdurre obiettivi a breve termine per tracciare il percorso di decarbonizzazione. Ad esempio, la SBTi ha determinato che i target di riduzione science-based hanno un breve e medio termine (da 5 a 15 anni), ma solo l’8% delle aziende si pone questi obiettivi intermedi per raggiungere il Net Zero.

Strategie di riduzione

  • Quanto è ambizioso l’obiettivo rispetto ai competitor?
  • Quanto è ambizioso l’obiettivo nell’ambito della climate science?
  • Quanto è chiara e solida la strategia per prevenire, eliminare e ridurre le fonti di emissioni di gas a effetto serra nella catena del valore?
  • Le iniziative riportate sono sufficienti per raggiungere l’obiettivo? Rispetto ad aziende dello stesso tipo?
  • In che misura l’azienda fa affidamento su strategie di compensazione del carbonio?

Portata della misurazione dei gas serra

  • L’impegno copre l’intera catena del valore delle emissioni degli Scope 1, 2 e 3?
  • Qual è la copertura all’interno di ogni Scope?

Capex: è cruciale valutare se attualmente si stanno facendo investimenti sufficienti per raggiungere gli obiettivi a breve, medio e lungo termine.

M&A

  • Le recenti o pianificate fusioni e acquisizioni sono coerenti con gli obiettivi climatici?
  • L’azienda ha in previsione fusioni e acquisizioni per raggiungere gli obiettivi? 

Presupposti tecnologici

  • Quali innovazioni da parte dell’azienda o dell’industria sono necessarie per raggiungere l’obiettivo?
  • In che misura la riduzione delle emissioni di carbonio dipenderà dal ruolo di altre tecnologie in fase di sviluppo o commercializzazione? Per esempio, l’idrogeno pulito è una tecnologia emergente considerata necessaria per sostenere la decarbonizzazione nei settori in cui è più difficile realizzare una riduzione.
  • Il ruolo della rimozione dell’anidride carbonica (CDR) è ancora un argomento dibattuto. Il successo a lungo termine di queste tecnologie è tutt’altro che certo, eppure la maggior parte dei percorsi di decarbonizzazione presuppone che saranno disponibili su larga scala. Tuttavia, anche qualora si realizzassero, non sostituiscono la necessità di abbattere le emissioni di carbonio.

Performance degli obiettivi passati e trend delle emissioni: un Management con una comprovata esperienza nel raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione dà un segnale di fiducia verso il conseguimento degli obiettivi futuri. Se un’azienda non ha raggiunto gli obiettivi passati, è importante che venga data una spiegazione ragionevole e che si siano imparate delle lezioni. Inoltre, il trend delle emissioni passate non continuerà necessariamente in modo lineare. Le passate riduzioni possono essere state ottenute attraverso il raggiungimento di obiettivi semplici. Pertanto, è importante valutare come sono state realizzate le riduzioni delle emissioni di carbonio per formulare un giudizio sul potenziale di ulteriori riduzioni.

Obiettivi di crescita:

  • Gli obiettivi finanziari sono coerenti con gli obiettivi di riduzione del carbonio?
  • Il Management ha una strategia per distinguere la crescita delle entrate dalla crescita delle emissioni di carbonio?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: una selezione sui titoli tech

Asset Allocation, un webinar per capire a che punto siamo

Asset allocation, ecco l’approccio giusto per l’estate

NEWSLETTER
Iscriviti
X