Reyl: nuovo fondo a bassa volatilità

A
A
A

Reyl lancia un nuovo comparto sul mercato italiano. La caratteristica principale di questo prodotto è la ricerca della bassa volatilità. L’obiettivo del fondo è, infatti, quello di raggiungere, nel medio-lungo termine, un apprezzamento del capitale attraverso investimenti in titoli azionari europei, con una limitata volatilità, ottenuta grazie alla specifica politica di copertura e all’uso di strumenti del mercato monetario.

di Francesco Biraghi30 giugno 2008 | 09:30

Dal 25 giugno 2008 è stato autorizzato al collocamento in Italia un nuovo fondo appartenente a Reyl (Lux) Global Funds. Sicav di diritto lussemburghese distribuita da Reyl & Cie S.A. con sede a Ginevra, guidata dall’amministratore delegato Dominique Reyl.

Si tratta del comparto Reyl (Lux) Global Funds – Europe Low Vol. Disponibile nelle seguenti classi di azioni: in EUR (classe B o F) oppure in CHF (classe C). Tutte a capitalizzazione dei proventi.

Il fondo è stato costituito il 31 marzo 2008 ed è in gestione a Reyl Asset Management S.A. Presenta un profilo di rischio medio, ed ha un orizzonte d’investimento consigliato di 1-3 anni. La valuta di riferimento è l’Euro

L’obiettivo del comparto è quello di ricercare l’apprezzamento del capitale a medio/lungo termine attraverso un portafoglio diversificato di azioni attenuando l’esposizione ai rischi direzionali dei mercati azionari con l’utilizzo di strategie dinamiche di copertura e l’investimento in prodotti di tassi.

Poiché lo stile di gestione é discrezionale, la composizione del portafoglio non cercherà di riprodurre, ne a livello geografico, ne a livello settoriale, la composizione di un indicatore di riferimento. La scelta dei titoli viene effettuata attraverso un modello quantitativo di proprietà basato su dei parametri fondamentali e statistici. Il metodo che è stato sviluppato non mira a replicare un indice di azioni europei e implica sistematiche deviazioni rilevanti di comportamento nei confronti di questi ultimi. Le simulazioni di modello su lungo periodo (10-12 anni) dimostrano dei livelli significativi di decorrelazione nei diversi cicli dei mercati.

Almeno due terzi del portafoglio del comparto Reyl (Lux) Global Funds – Europe Low Vol. saranno investiti in azioni o prodotti di tassi emessi da società con sede in Europa.

L’esposizione ai mercati azionari può variare da 0% a 100% in modo opportunistico basandosi su degli indicatori di proprietà fondamentali e statistiche. Il fondo potrà investire fino al 10% del proprio patrimonio complessivo in quote di altri fondi. L’allocazione fra i diversi attivi (azioni, prodotti di tassi e di copertura) è realizzata in modo sistematico grazie ad un modello quantitativo sviluppato da Reyl Asset Management SA.

I gestori possono effettuare i seguenti tipi d’operazione:
– assumere posizioni “long” su i mercati azionari
– ricorso a prodotti derivati a titolo di copertura o ottimizzazione dell’esposizione del portafoglio, attraverso operazioni d’acquisto e di vendita d’opzioni, di warrants e di futures sugli indici e su titoli individuali cosi come di swaps e di “contracts for differences” sugli indici e su titoli individuali che sono stipulate con istituti finanziari di primo ordine specializzati in questo tipo di operazioni
– investimento in prodotti di tassi e monetari.

COMMISSIONI A CARICO DEGLI INVESTITORI
Diritto d’ingresso > Massimo 3% dell’importo sottoscritto, a favore dell’agente collocatore.
Diritto d’uscita > Nessuno
Diritto di conversione > Nessuno

COMMISSIONI A CARICO DEL FONDO
Commissione di Gestione >
Per le classi di azioni B: 1,50% annuo.
Per la classe di azione F: 2% annuo.
Per la classe di azione C: 2% annuo.

Commissione di Overperformance > 15%. E’dovuta soltanto nell’ipotesi in cui:
(1) la Performance superi il tasso di rendimento minimo (“hurdle rate”), e
(2) il Nav sia superiore al Nav storico più elevato (Principio “High Watermark”).
In tale caso, la commissione è applicata alla differenza tra il Nav e l’High Watermark.

Minimo di sottoscrizione iniziale:
Per la classe B: EUR 100.000
Per la classe F: Nessuno
Per la classe C: Nessuno


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Nuovo Etf monetario dal 10 ottobre

In arrivo Mediolanum Best Brands

ING scommette sul fattore Beta

Ti può anche interessare

Mediobanca Sgr, Franco alla guida

Confermate le indiscrezioni di Bluerating: il manager ex di Ubi Pramerica è stato nominato amminist ...

Ambrosetti AM: occhi puntati sulla Bce, l’Italia guida l’azionario

L'analisi sui mercati in questa ultima parte dell'anno a cura di Alessandro Allegri, amministratore ...

Polizze vita, la Mifid 2 può spingere le unit linked

In un ‘intervista ad Affari&Finanza, il partner di PwC Panebianco intravede una possibile cres ...