Bancari nel mirino

A
A
A
di Roberto Dotti 3 Luglio 2008 | 11:19
Il presidente dell’Opec sostiene che il greggio possa raggiungere i 150-179 dollari al barile e poco dopo tali affermazioni il prezzo si è posizionato sopra i 145 dollari. Che sia spaculazione?A ciò aggingiamo una manciata di commodities, un cucchiao di inflazione, un bicchiere di petrolio e la ricetta per un’estate di fuoco per le economie mondiali è presto fatta.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari America vede il fondo Parvest Us Value in fondo alla classifica nella settimana che va dal 23 al 30 giugno con una performance negativa del -14,6%.

Il comparto, lanciato nel dicembre 2004, gestisce un patrimonio di 678,9 mln di dollari e ha registrato una performance YTD negativa -27,5% contro una performance a 3 anni del -15,9%.

Il benchmark di riferimento è il S&P 500 Net TR Index, che il 23 giugno ha chiuso a 1318 punti contro i 1280 del 30 giugno, continuando la tendenza iniziata da inizio mese, e perdendo il 2,9%.

Il comparto investe principalmente nelle azioni, nelle obbligazioni convertibili, nei buoni di sottoscrizione, nei certificati di investimento, nei warrant su azioni o negli altri titoli assimilabili alle azioni, emessi da società americane aventi sede negli Stati Uniti d’America, selezionate in funzione del loro livello di valorizzazione. Il gestore selezionerà i titoli che riterrà sottovalutati rispetto al mercato al momento dell’acquisto.

Le piazze finanziarie stanno raccogliendo nell’ultimo periodo una serie di risultati negativi a causa della liquidazione delle posizioni da parte degli investitori contagiati dal persistente calo di fiducia.

Gli analisti sostengono che fino a quando non ci sarà pace nel settore bancario, la situazione dei mercati azionari rimarrà agitata: si teme infatti che anche le prossime semestrali siano negative e che ci siano nuove svalutazioni.

Fortis ha ad esempio annunciato un aumento di capitale e Goldman Sachs ha ridotto il rating sui titoli delle case di investimento Usa: in perdita i titoli di Citigroup, per il quale si prevedono potenziali svalutazioni, Merrill Lynch, JP MOrgan e Bank of America.

Nel corso delle ultime settimane poi l’euro si è rafforzato sul dollaro.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 23/06 AL 30/06

Valuta fondo percentuale
USD ABN AMRO US OPPORTUNITIES FUND 3,87%
USD RINASCIMENTO GLOBAL EQUITY OPPORTUNITIES -0,05%
EURO JP MORGAN FUNDS US 130/30 FUND -1,82%
USD INVESCO US EQUITY FUND -2,31%
USD JP MORGAN FUNDS US STRATEGIC GROWTH FUND -2,49%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 23/06 AL 30/06

Valuta fondo percentuale
USD PARVEST US VALUE -14,64%
EURO AMERICAN EQUITIES WORK -14,12%
EURO DB PLATINUM IV US VALUE -13,86%
USD MS US PROPERTY FUND -13,31%
EURO NORDEA 1 NORTH AMERICAN VALUE FUND -13,19%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

A novembre Wall Street sempre forte, Africa in crescita

Settembre d’oro per i fondi azionari: per Schroder e Invesco rialzi oltre il 15%

Classifiche Bluerating: Vontobel in testa tra i fondi Ritorno Assoluto – Materie Prime

NEWSLETTER
Iscriviti
X