Puntare sull'oro con Superfund

A
A
A
di Marco Mairate 4 Luglio 2008 | 14:30
ETF, ETC, fondi e derivati. Oggi gli investitori hanno numerose strade per puntare sulla corsa delle materie prime: Superfund, gruppo leader nei fondi Managed Futures, vanta un’esperienza decennale negli investimenti sulle commodity e il Superfund Gold (la classe B SICAV del fondo segna un progresso del 53% dall’inzio del 2008) è la risposta del gruppo austriaco al cliente più sofisticato. Bluerating ha intervistao il Ceo di Superfund, Christian Baha, che illustra come approcciare questo tipo di investimento.

Oggi le Materie Prime costituiscono una classe di beni più popolare rispetto a qualche anno fa, gli investitori possono investire in strumenti diversi come azioni, Etf, fondi, metalli preziosi. Superfund offre agli investitori il Superfund Gold per capitalizzare le fluttuazioni dell’Oro. Può descriverci quali differenze ci sono tra Superfund Gold ed altri strumenti che scommettono sul rialzo di questo metallo?

Con Superfund Gold si può da un lato trarre beneficio dal maggior valore e garanzia dati dall’oro e, dall’altro, dai comprovati vantaggi dei future gestiti. In questo modo i nostri investitori saranno esposti sia alle fluttuazioni di prezzo dell’oro che alla nostra strategia sottostante. Si tratta di una combinazione unica, non comparabile con altre. Fin dall’inizio dei nuovi Superfund Gold SICAV il 30 novembre 2007, il SICAV A Gold Fund ha ottenuto una performance al netto di tutte le detrazioni pari a +31,75 % in tre mesi e mezzo. I nostri Superfund Gold A+B SICAV rappresentano i primi fondi globali di futures gestiti che non solo sono denominati in dollari ed euro ma anche in oro. Si tratta di un’innovazione globale unica: ora che le banconote non sono più legate al sistema monetario aureo abbiamo emesso un prodotto che ha a che fare con un nuovo sistema aureo.

Il Chicago Board of Trade dove ogni giorno si comprano e vendono merci di ogni tipo (Fonte: Artnet) I fondi di futures gestiti offrono un’ampia diversificazione su vari mercati e mostrano poca correlazione con altre classi di investimenti: come rientrano in un portafoglio di investimento per migliorare il profilo di rischio/guadagno (del portafoglio)?

Un fondo di futures gestiti funziona da airbag per ciascun portafoglio. Nell’allocazione degli investimenti di un portafoglio ben bilanciato raccomandiamo dal 20 al 40% di futures gestiti. Questi ultimi non solo rispondono in modo efficace in caso di rialzo dei mercati, ma possono riuscire ad ottenere rendite anche durante le fasi di ribasso. Con i futures gestiti Superfund si investe in oltre 100 mercati in tutto il mondo e il portafoglio è quindi ampiamente diversificato, riducendo il rischio e ottenendo nello stesso tempo rendite più elevate rispetto agli investimenti tradizionali.

È innegabile che Superfund dedica molte energie alla comunicazione con gli investitori: Quanto è importante per Superfund informare ed educare gli investitori?

L’informazione è estremamente importante nella filosofia della nostra società. I futures gestiti sono una classe di investimenti ancora quasi sconosciuta. Il mio obiettivo personale è quello di modificare la situazione nell’arco dei prossimi due anni. All’inizio abbiamo avviato il primo centro investimenti per educare candidati ed investitori, un’innovazione unica nel mondo dei fondi hedge. Ora abbiamo costituito questi centri a New York, Chicago, Singapore, Vienna e altre città in tutto il mondo. Ogni investitore dovrebbe avere la medesima opportunità di investire in una delle migliori classi di investimenti del mondo e di ricevere lo stesso know-how di esperti ed individui con grandi patrimoni. Però la strada è ancora lunga.

Fin dall’inizio Superfund ha dimostrato al settore della gestione patrimoniale di essere un operatore innovativo, sia per il tipo di strategia di investimento adottata che per la scelta di rivolgersi non solo ad operatori istituzionali ma anche ai piccoli investitori. Dopo più di dieci anni di presenza sul mercato, qual è il risultato raggiunto?

Siamo ancora all’inizio. Mi rifaccia la stessa domanda tra dieci anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: l'analisi di Superfund

NEWSLETTER
Iscriviti
X