Fondi, la raccolta continua a volare. Intesa senza rivali

A
A
A
di Matteo Chiamenti 28 Giugno 2021 | 11:36

Non si esaurisce il momento d’oro degli afflussi per il risparmio gestito in Italia. Dopo i gli oltre 5 miliardi di aprile, la raccolta del mese di maggio dell’industria del risparmio gestito, certificata dalla periodica mappa Assogestioni, si è attestata a 6,8 miliardi di euro, portandosi a 41,7 miliardi da inizio anno. Un’accelerazione che ha portato il patrimonio complessivo alle porte del traguardo dei 2.500 miliardi in gestione. Oggi le masse si attestano, infatti, a 2.480 miliardi.

A guidare i flussi sono le gestioni collettive (+5,2 miliardi) e in particolare i fondi aperti (+4,9 miliardi), mentre le gestioni di portafoglio chiudono il quinto mese dell’anno con ingressi per 1,6 miliardi, di cui oltre un miliardo riferito alle gestioni di portafoglio retail e i restanti 549 milioni alle gestioni di portafoglio istituzionali.

Il dettaglio dei fondi aperti

Si conferma l’interesse degli investitori per i fondi di lungo termine azionari e bilanciati, i più ricercati da inizio anno. A maggio entrambe le categorie registrano afflussi sopra i 2 miliardi. Nei primi cinque mesi del 2021 i fondi di lungo termine azionari hanno registrato flussi positivi per 17,1 miliardi, mentre i bilanciati si sono posizionati a + 8,8 miliardi. Da segnalare inoltre a maggio una raccolta positiva per 927 milioni di euro per gli obbligazionari, mentre i flessibili non riescono a tornare con segno più e registrano deflussi per 150 milioni. Queste la categoria più penalizzata da inizio anno con un dato negativo che si avvicina ai -4 miliardi.

Per quanto riguarda la domiciliazione dei fondi oggetto di raccolta, si consolida il trend favorevole ai fondi di diritto estero che a maggio hanno rappresentato oltre l’85% della raccolta dei fondi aperti, 4,2 miliardi su 4,9 miliardi. Percentuale che sale al 97% da inizio anno, 26,9 miliardi su 27,6 miliardi.

A livello societario il podio del mese è composto da Intesa, prima con oltre 1,9 miliardi di apporti netti, Poste, seconda con oltre 1,2 miliardi, e infine Amundi, con oltre 594 milioni.

Maglia nera di maggio è invece il gruppo Generali con deflussi superiori ai 383 milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Widiba, due colpi per la rete da Intesa e Deutsche Bank

Corcos (Fideuram), un appello per gli over 40

Oddo BHF AM scelta dal fondo pensione del gruppo Intesa Sanpaolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X