Investimenti, occhio ai colli di bottiglia

A
A
A
di Redazione 2 Agosto 2021 | 15:28

Di seguito un commento a cura di Carol Liao, Economista per la Cina di PIMCO sui colli di bottiglia logistici a livello globale, che dovrebbero alleviarsi per fine 2021 poiché lo squilibrio tra domanda e offerta dovrebbe attenuarsi in quanto la spesa per i servizi supera la domanda di beni di consumo nei mercati sviluppati.

La domanda globale di beni di consumo è rimbalzata dalla seconda metà del 2020, guidata inizialmente da grandi pacchetti di stimolo governativo e, più recentemente, da spese in conto capitale resilienti e dalla rapida diffusione delle vaccinazioni nella maggior parte dei mercati sviluppati. Rimangono tuttavia alcune limitazioni lato offerta. Alcuni grandi paesi produttori dei mercati emergenti continuano a lottare per contenere il virus, mentre settori come i semiconduttori continuano ad affrontare carenze di capacità a causa dell’aumento della domanda di automobili ed elettronica. I colli di bottiglia logistici, causati da interruzioni nei porti, nelle linee di navigazione e nei trasporti interni, hanno allungato i tempi di consegna e hanno ulteriormente peggiorato le carenze in alcune regioni. Di conseguenza, le scorte si sono esaurite rapidamente e l’inflazione è aumentata negli Stati Uniti e in altri mercati. Tuttavia, ci aspettiamo che i colli di bottiglia dell’offerta si attenuino verso la fine dell’anno, quando la produzione aumenterà, la congestione delle spedizioni si ridurrà, la domanda di beni nei mercati sviluppati diminuirà e i consumatori delle economie avanzate sposteranno la spesa verso i servizi.

Nel complesso, la produzione asiatica si è ripresa meglio di altre regioni. In Asia orientale, dove la pandemia è stata relativamente ben contenuta e la maggior parte delle fabbriche è rimasta aperta, la produzione industriale ha ripreso rapidamente dalla seconda metà del 2020. La produzione industriale cinese era già rimbalzata e aveva superato i livelli pre-pandemia lo scorso giugno, e da allora è rimasta solida, sostenuta da forti esportazioni e investimenti interni. Mentre i dati globali dell’indice dei direttori d’acquisto a maggio hanno generalmente mostrato tempi di consegna più lunghi rispetto al 1° trimestre, le economie asiatiche se la sono cavata meglio.

Le carenze di chip per semiconduttori rimangono un importante collo di bottiglia per la produzione globale. La recente epidemia di coronavirus a Taiwan potrebbe prolungare la carenza, anche se l’impatto finora è stato in gran parte sul consumo interno e sul sentiment dei consumatori piuttosto che sull’attività industriale. Mentre la produzione delle fonderie è per lo più automatizzata e non particolarmente laboriosa, la pandemia sta colpendo altre parti della catena di fornitura tecnologica, come la logistica. Continuiamo ad aspettarci che il collo di bottiglia dei chip si allenti gradualmente nella seconda metà del 2021, in particolare per le aziende automobilistiche, ma l’offerta di semiconduttori rimarrà probabilmente limitata.

I porti in Europa e lungo la costa occidentale degli Stati Uniti rimangono congestionati. Anche se l’affollamento è diminuito negli Stati Uniti alla fine di giugno, la consegna delle merci potrebbe essere ritardata da una carenza di autisti di camion. La congestione è aumentata anche nei porti della Cina meridionale a causa di controlli pandemici più severi in risposta all’epidemia di coronavirus iniziata a fine maggio. Il porto Yantian di Shenzhen, il terzo più grande della Cina, ha ripreso a operare normalmente solo alla fine di giugno, dopo aver operato al di sotto del 50% della capacità normale in media per il mese. Il porto ha rappresentato circa il 6% delle spedizioni estere di container della Cina nel 2020, quindi le interruzioni potrebbero danneggiare le esportazioni cinesi di giugno, in particolare i carichi destinati all’Europa e agli Stati Uniti. Ora che Yantian ha ripreso le normali operazioni, ci aspettiamo che le esportazioni riprendano, il che potrebbe esacerbare ulteriormente la congestione dei porti in Europa e negli Stati Uniti nelle prossime settimane.

La congestione portuale e la forte domanda hanno causato un’impennata dei noli negli ultimi mesi e crediamo che le tariffe spot rimangano ben supportate, con una forte stagione prevista per il terzo trimestre del 2021. Mentre i costi di spedizione costituiscono generalmente una piccola parte del prezzo dei beni finali, i colli di bottiglia logistici potrebbero esacerbare lo squilibrio tra domanda e offerta e portare a ulteriori pressioni inflazionistiche nei mercati di destinazione. Nel complesso, ci aspettiamo che lo squilibrio tra domanda e offerta si riduca verso la fine dell’anno, dopo che la domanda di beni di consumo avrà raggiunto un picco nei mercati sviluppati e la spesa nel settore dei servizi – che è meno dipendente dalle importazioni – aumenterà (presumendo che non ci siano ulteriori interruzioni dovute alla pandemia). Inoltre, è probabile che la produzione recuperi terreno e si adegui alla ripresa della domanda, mentre i colli di bottiglia logistici dovrebbero essere eliminati nel 2022 con l’aumento della capacità e i costi di trasporto dovrebbero gradualmente normalizzarsi entro il prossimo anno. L’inflazione ha la possibilità di essere elevata nei prossimi mesi e di rimanere irregolare, dati alcuni di questi colli di bottiglia e interruzioni. Tuttavia, con la ripresa della produzione e la moderazione della crescita nel 2022, ci aspettiamo che l’inflazione nei mercati sviluppati raggiunga il picco nei prossimi mesi e si moderi nella seconda metà del 2021.

Con la forte ripresa della domanda dei mercati sviluppati, i colli di bottiglia dell’offerta hanno spinto in alto i prezzi delle materie prime, a beneficio degli esportatori. Mentre la carenza di chip e la congestione logistica hanno contribuito a un’impennata dell’inflazione negli Stati Uniti, la Fed vede ancora l’inflazione come transitoria e probabilmente adotterà un approccio paziente, rispetto a una stretta politica potenzialmente più rapida altrove. Continuiamo a favorire una sottoesposizione al dollaro statunitense rispetto alle valute legate alle materie prime del G-10 e a selezionate valute dei mercati emergenti.

I produttori di materie prime, le compagnie di navigazione, i fornitori di semiconduttori e i venditori di auto di seconda mano stanno beneficiando delle strozzature dell’offerta mentre i prezzi che applicano salgono. Tuttavia, i margini di profitto di alcuni produttori a valle probabilmente soffriranno. Il controllo globale della pandemia e il progresso della vaccinazione rimangono variabili chiave. Qualsiasi deterioramento dei progressi potrebbe distorcere l’equilibrio globale della domanda e dell’offerta, attraverso interruzioni della catena di fornitura o ulteriori strozzature nelle spedizioni, con conseguente recupero ritardato della crescita o pressioni prolungate sull’inflazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: le tre variabili per la Germania

Asset allocation: quanto la Cina fa rima con profitto

Mercati: la Cina innesca il risk off

NEWSLETTER
Iscriviti
X