Investimenti, guadagnare in mezzo ai canguri

A
A
A
di Redazione 5 Agosto 2021 | 15:43

Di seguito la Pillola settimanale ad opera di BGSAXO, “ Uno sguardo alle trimestrali Australiane: guadagni in vista ”.

Sebbene il contesto macroeconomico sia favorevole e la ripresa ormai realtà, i mercati non sono più positivi. La convinzione che siamo di fronte ad una riapertura globale e ad una conseguente reflazione è diminuita e sembra che si avvicini un regime di mercato diverso, mentre le banche centrali iniziano ad annunciare cambiamenti nella propria politica di sostegno. Detto questo, i prossimi rapporti societari dovrebbero essere nel complesso un catalizzatore positivo, dato che il contesto macroeconomico ha sostenuto una continua ripresa degli utili (anche se le prospettive incerte potrebbero sminuire risultati solidi). E, benché stiamo passando attraverso una fase di transizione verso l’inevitabile rallentamento rispetto ai livelli di crescita massima e con le banche centrali che diventano meno accomodanti, dovremmo adottare un approccio più selettivo alla costruzione del portafoglio, aspettandoci maggiori picchi di volatilità e rendimenti meno elevati rispetto all’anno precedente.

Guadagni

Con l’eccezione del periodo attuale, la rinormalizzazione globale ha continuato a riflettere i profitti dall’ultimo aggiornamento delle aziende sul mercato. Anche l’economia australiana ha sofferto meno del temuto e ha recuperato meglio del previsto, con il PIL che ha superato i livelli pre-COVID. Le aziende ritorneranno ai livelli dell’anno precedente alla pandemia e ai differenti lockdown. Ovviamente va tenuto in conto che in Australia siamo di fronte a nuove chiusure e le prospettive risentiranno di questa situazione. È in questo contesto che gli investitori chiederanno al management delle varie aziende di avere previsioni chiare.

Nonostante molti siano stati colpiti dalle chiusure, il lato positivo è che i bilanci delle famiglie sono rimasti generalmente solidi e le misure di sostegno al reddito sono in atto per coloro che hanno risentito dei lockdown, anche se le sovvenzioni sono minori rispetto alle precedenti. Il mercato immobiliare è andato di bene in meglio durante l’anno precedente, alimentando la fiducia e promuovendo i consumi, nonostante la chiusura delle frontiere internazionali. Sappiamo che molte imprese sono state colpite sia positivamente che negativamente dalle chiusure, ma abbiamo anche visto che la riapertura può avere lo stesso impatto. Questa incoerenza è probabilmente qualcosa che continuerà fino a quando non vedremo i tassi di penetrazione dei vaccini in ripresa. 

Gli analisti non sono stati particolarmente sicuri nell’aggiornamento delle loro previsioni rispetto alla stagione delle trimestrali e potremmo vedere, come nei precedenti periodi di reporting, che la soglia delle aspettative è bassa. Ciò significa che, a livello di indice generale, le aziende dovrebbero superare ampiamente le aspettative, con un risultato finale che potrebbe essere caratterizzato da sorprese al rialzo. Tuttavia, dato che il ciclo dei profitti è progredito, l’entità delle sorprese sarà minore – nessuna ripetizione del febbraio 2021! E, viste le circostanze attuali, l’attenzione si concentrerà sulla guida e sulle prospettive mentre i partecipanti al mercato guardano verso il futuro.

Banche – Il potenziale per il recupero degli accantonamenti per perdite su crediti, il ritorno del capitale e la crescita del credito del sistema che sostiene i guadagni, dato che il mercato immobiliare rimane vivace, supportano le banche australiane. Accanto al continuo ritorno verso i rapporti di payout storici, dato che le catene dell’APRA sono state tolte e i dividendi si riprendono dalla loro base molto bassa. Un certo rischio circonda questa prospettiva poiché gli analisti prevedono che le banche stiano retrodatando le disposizioni di perdita di prestito, restituendo il capitale sotto forma di buyback e con una prospettiva di rafforzamento dei dividendi. Con le attuali restrizioni, c’è la possibilità che le banche adottino un approccio più cauto nella gestione del capitale rispetto alle aspettative del consenso. Anche se la settimana scorsa, con l’inasprimento delle restrizioni, ANZ ha annunciato un programma di riacquisto di azioni sul mercato fino a 1,5 miliardi di dollari a partire da agosto. Ciò rafforza la nostra fiducia nel potenziale di gestione del capitale, che rimane un catalizzatore al rialzo per il gruppo.

Materie prime – Aiutati dalla liquidità fluida, dalle interruzioni dell’offerta e dai rimbalzi della domanda in un mondo in movimento, i prezzi delle materie prime sono saliti alle stelle. Le major (BHP, RIO, FMG) continueranno a pagare dividendi elevati in termini assoluti. I prezzi del minerale di ferro sono rimasti elevati per tutto l’anno finanziario e anche altre materie prime hanno visto i prezzi rimanere stabili. I bilanci più solidi, le entrate e i profitti robusti, insieme ai prezzi elevati delle materie prime, comportano che queste aziende sono in una posizione forte per continuare a restituire denaro agli azionisti sotto forma di dividendi e buyback. Terremo d’occhio da vicino le pressioni sui costi di input e le prospettive della domanda in corso. Mentre l’inflazione dei prezzi delle materie prime è un fattore positivo, non lo è altrettanto l’aumento dei costi di produzione.

Viaggi/Turismo/Frontiere – Le compagnie aeree, le agenzie di viaggio, gli albergatori e le società di intrattenimento rimangono sotto pressione e in balia delle attuali circostanze imprevedibili per quanto riguarda i viaggi interni. Anche se il settore è stato ostacolato dalla chiusura delle frontiere e dalle interruzioni in corso con la variante Delta che ritarda la normalità, rimane un investimento da cogliere oggi per guadagnare domani per coloro che hanno una visione a lungo termine. In particolare, con la penetrazione del vaccino che aumenta, gli investitori possono guardare avanti con più chiarezza a ciò che accadrà dopo la pandemia. Queste aziende beneficeranno alla fine del rimbalzo post pandemia.

Pressioni sui prezzi – Non è un segreto che l’impatto della pandemia sulle catene di rifornimento abbia causato molte interruzioni. L’inflazione del Q2 dovrebbe raggiungere il 3% YoY questa settimana con effetti minimi. La lettura conferma che le tendenze inflazionistiche già evidenti in alcune parti del mondo stanno filtrando nell’economia generale. Ma gli aggiornamenti dei guadagni daranno anche una lettura di come i colli di bottiglia della catena di fornitura, l’aumento dei costi di spedizione e delle materie prime stiano condizionando le strategie delle società.

Dividendi – Il 2020 è stato un colpo colossale per i dividendi, specialmente per gli investitori pesantemente esposti verso le banche, in cui i dividendi sono calati di oltre il 50%. Mentre le aziende hanno chiuso i battenti per resistere alla tempesta pandemica, il capitale è stato conservato e i bilanci rafforzati. Il ritorno di questo capitale vede il potenziale per il rialzo dei dividendi, anche se le attuali chiusure hanno riportato alla ribalta alcune incertezze. In questa stagione i dividendi miglioreranno significativamente rispetto all’ultimo periodo per le banche e anche le aziende legate al mondo delle materie prime continueranno a restituire il capitale agli azionisti. A livello di indice, i dividendi saranno ben avviati verso il recupero, mantenendo un premio significativo rispetto ai rendimenti dei titoli di stato a 10 anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: i quattro trend da considerare nel mercato Esg

Asset allocation: quando la volatilità può diventare un’opportunità

Asset allocation: ecco perchè i titoli value saliranno ancora

NEWSLETTER
Iscriviti
X