Consulenti, ecco perchè il passivo vincerà sempre

A
A
A
di Redazione 13 Agosto 2021 | 11:16

Il dibattito tra i consumenti su quali siano meglio tra prodotti finanziari attivi e quelli passivi resta sempre molto acceso. Ma, a detta di Lance Roberts, chief investment strategist di Real Investment Advice, a vincere a man bassa sono sempre in media i passivi. Ecco di seguito la sia view.

Nel periodo di 15 anni, a parità di peso (asset-weighted), il fondo azionario statunitense a gestione attiva medio ha sottoperformato dell’1,4% (0,74%) annuo. Le peggiori performance sono state quelle delle small cap, con gestori di crescita attivi di small cap che hanno sottoperformato su base equamente ponderata (ponderata sulle attività) dell’1,99% (0,90%) annuo, gestori core attivi di small cap che hanno sottoperformato del 2,43% (1,82%) all’anno e i gestori di piccolo valore attivi sottoperformano del 2,00% (1,71%) all’anno. Alla faccia dell’idea che l’asset class small cap sia inefficiente e che la gestione attiva sia la strategia vincente.

La scorecard SPIVA di S&P fornisce quindi prove convincenti dell’inutilità della gestione attiva.

Dovremmo essere investitori a lungo termine

In un dato periodo a breve termine, un gestore di un portafoglio attivo può effettuare scommesse che sovraperformano o sottoperformano il loro benchmark relativo. Tuttavia, dovremmo essere investitori a lungo termine, il che suggerisce che dovremmo concentrarci sui risultati a lungo termine e non sulle deviazioni a breve termine.

Trovare fondi con track record a lungo termine è difficile perché la maggior parte dei fondi comuni di investimento non è stata lanciata fino alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000. Tuttavia, ho fatto una rapida ricerca e ho aggiunto altri 4 fondi comuni di investimento attivi con track record a lungo termine per il confronto. Il grafico seguente confronta Fidelity Contrafund, Pioneer Fund, Sequoia Fund, Dodge & Cox Stock Fund e Growth Fund of America con l’indice Vanguard S&P 500.

Non so voi, ma un investimento in uno qualsiasi dei fondi gestiti attivamente nell’orizzonte a lungo termine sembra certamente essere stata una scommessa migliore.

Anche i fondi indicizzati non possono battere l’indice

Vuoi sapere quale fondo NON ha battuto l’indice secondo Morningstar? Il fondo Vanguard S&P 500 Index.

Com’è possibile che un fondo che dovrebbe semplicemente replicare un indice, non è riuscito a corrispondere esattamente alla performance dell’indice. Semplice.

Tasse, tasse e spese

Sfortunatamente, nel “mondo reale” in cui le persone investono effettivamente i loro “risparmi duramente guadagnati”, i loro rendimenti complessivi sono costantemente sotto assedio da tasse, in precedenza commissioni, commissioni e, soprattutto, tasse.

Un “indice”, che è semplicemente un calcolo matematico di titoli quotati, non ha tali svantaggi.

Il grafico seguente è l’indice S&P 500 Total Return prima e dopo lo stesso rapporto spese addebitato dal Vanguard S&P 500 Index Fund. Poiché la maggior parte dei consulenti non gestisce il denaro dei clienti gratuitamente, ho incluso anche una “commissione per consulenti” dello 0,5% all’anno.

Naturalmente, se il tuo consulente sta semplicemente indicizzando per te, allora forse la vera domanda è esattamente per cosa stai pagando?

Le differenze tra te e un indice

Il che ci porta al motivo per cui tu, né alcun prodotto di investimento che imiti esattamente l’indice S&P 500, puoi effettivamente eguagliarlo, o meno.

Mentre Wall Street vuole che tu confronti il tuo portafoglio con l'”indice” in modo da continuare a inseguire un indice, che mantiene il denaro in movimento e crea commissioni per Wall Street, la realtà è che tu e un indice siete cose molto diverse. Ciò è dovuto ai seguenti motivi:

1) L’indice non contiene contanti

Se mantieni liquidità per spese previste, tasse o qualsiasi altro motivo, la tua performance sarà inferiore all’indice di riferimento.

2) L’indice non ha requisiti di aspettativa di vita, ma tu sì

Anche se può sembrare fantastico che se detieni un indice a lungo termine, genererai rendimenti annuali dell’8-10%, la realtà è che il tuo orizzonte di investimento tra accumulazione e distribuzione rientra in un ciclo di “mercato completo” . Inizia dalla fine sbagliata di un ciclo (valutazioni iniziali elevate) e il risultato finale sarà molto inferiore a quello pubblicizzato.

3) L’Indice non deve compensare le distribuzioni per soddisfare le esigenze di vita.

Nel momento in cui inizi a prelevare denaro per vivere, la performance è influenzata dai prelievi rispetto al valore del portafoglio.

4) L’indice richiede di assumersi un rischio eccessivo.

Cullen Roche una volta ha scritto un punto saliente:

“Il benchmarking è una cosa perniciosa nei circoli finanziari. Non solo perché disconnette il modo in cui il cliente e un gestore di fondi comprendono il concetto di “rischio”, ma anche perché il concetto di benchmarking sembra essere frainteso”.

Il rischio è raramente compreso dagli investitori finché non è generalmente troppo tardi.

Inseguire l’indice S&P 500 richiede che il tuo portafoglio sia completamente allocato al rischio azionario, in ogni momento. Ciò aumenta notevolmente il “profilo di rischio” del portafoglio che potrebbe non essere ottimale per gli investitori che si avvicinano o sono in pensione.

5) Non ha tasse, costi o altre spese ad esso associate

Come notato sopra, un indice non deve pagare tasse sui guadagni realizzati e sui dividendi, non ha commissioni di gestione o altre spese che devono essere coperte. Tutti questi elementi porteranno a una sottoperformance da un anno all’altro rispetto a un indice.

6) Ha la possibilità di sostituire senza penalità

In un indice, se una società fallisce, l’indice semplicemente la elimina e sostituisce un’altra azione nella sua posizione. Il valore dell’indice viene quindi adeguato alla “capitalizzazione di mercato” del nuovo concorrente e l’indice riprende. Tuttavia, nel tuo portafoglio, dato che hai solo una quantità “finita” di capitale, quando una società fallisce o perde la maggior parte del suo valore, devi vendere quel titolo in perdita e comprare il sostituto con quello che è rimasto o aggiungere altro capitale.

Come agiscono molti investitori

Sfortunatamente, gli investitori raramente fanno ciò che è “logico”, ma reagiscono “emotivamente” alle oscillazioni del mercato. Quando i prezzi delle azioni salgono, invece

di chiedersi quando “vendere” , vengono invece attirati verso i picchi di mercato. Il contrario accade quando i prezzi scendono. In primo luogo , arriva la “paralisi”, quindi la “speranza” che le perdite possano essere recuperate, ma alla fine si verifica la “capitolazione” quando la tensione emotiva diventa troppo grande e gli investitori “scaricano” azioni a qualsiasi prezzo per preservare il capitale che hanno lasciato. Rimangono quindi fuori dal mercato poiché i prezzi aumentano solo per “rientrare” circa a metà strada verso il successivo picco di mercato. Lavare. Risciacquare. Ripetere.

Nonostante il commento dei media che “se un investitore avesse ‘comprato’ il fondo del mercato”, la realtà è che pochi, se non nessuno, in realtà lo fanno. Il più grande ostacolo alla performance degli investitori nel tempo è consentire alle “emozioni” di dettare le decisioni di investimento. Ciò è mostrato nel Dalbar Investor Study che ha mostrato che i “fattori psicologici” hanno rappresentato tra il 45-55% della sottoperformance. Dallo studio:

“L’analisi dei flussi dei fondi degli investitori rispetto alla performance del mercato supporta ulteriormente l’argomento secondo cui gli investitori non hanno successo nel cronometrare il mercato. I rialzi del mercato raramente coincidono con gli afflussi di fondi comuni di investimento, mentre le flessioni del mercato non coincidono con i deflussi di fondi comuni di investimento.

In altre parole, gli investitori acquistavano costantemente i “top” e vendevano i “bottom”. Noterai che gli altri due motivi principali della sottoperformance erano legati alla mancanza di capitale da investire. Anche questo non è sorprendente, dato l’attuale contesto economico.

L’unica domanda che conta

Ci sono molte ragioni per cui non dovresti inseguire un indice nel tempo e perché vedi statistiche come “80% di tutti i fondi sottoperformano l’S&P 500”. L’impatto di riacquisti di azioni, sostituzioni, assenza di tasse e spese di negoziazione contribuiscono tutti alla sovraperformance dell’indice rispetto a coloro che effettivamente investono dollari reali che non ricevono gli stessi vantaggi.

Ancora più importante, qualsiasi portafoglio allocato in modo diverso rispetto al benchmark per fornire una minore volatilità, creare reddito o fornire una pianificazione finanziaria a lungo termine e la conservazione del capitale, sottoperforma anche l’indice. Pertanto, confrontare il tuo portafoglio con l’S&P 500 è intrinsecamente “dalle mele alle arance ” e porterà sempre a risultati deludenti.

“Ma c’è di peggio. Spesso, questi confronti vengono effettuati senza nemmeno considerare il modo giusto per quantificare il “rischio”. Cioè, non vediamo nemmeno le misurazioni dei rendimenti aggiustati per il rischio in queste revisioni delle “prestazioni”. Naturalmente, ciò non coglie l’obiettivo di implementare una strategia diversa da un indice long only.

Va bene confrontare le cose con un benchmark. In effetti, è utile in molti casi. Ma dobbiamo stare attenti a come lo facciamo”. – Cullen Roche

Per tutte queste ragioni, e altre ancora, l’atto di confrontare il tuo portafoglio con quello di un “indice di riferimento” alla fine ti porterà ad assumerti troppi rischi e a prendere decisioni di investimento basate sulle emozioni.

Ma ecco l’unica domanda che conta davvero nel dibattito attivo/passivo:

“Cosa è più importante: abbinare un indice durante un ciclo rialzista o proteggere il capitale durante un ciclo ribassista?”

Non puoi avere entrambi

Se esegui il benchmark di un indice durante il ciclo rialzista, perderai ugualmente durante il ciclo ribassista. Tuttavia, mentre un gestore attivo che si concentra sul “rischio” può sottoperformare durante un mercato rialzista, la conservazione del capitale durante un ciclo ribassista salverà i tuoi obiettivi di investimento.

Investire non è una competizione e, come dimostra la storia, ci sono orribili conseguenze per trattarla come tale. Quindi, fatti un favore e dimentica cosa fa l’indice di riferimento da un giorno all’altro. Concentrati invece sull’abbinamento del tuo portafoglio ai tuoi obiettivi, obiettivi e tempistiche personali. A lungo termine, potresti non battere l’indice, ma è probabile che raggiungi i tuoi obiettivi di investimento personali, motivo per cui hai investito in primo luogo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: la Cina resta un buon affare

Investimenti: focus sull’healthcare

Asset allocation: come affrontare mercati più difficili e rialzi più lenti e irregolari

NEWSLETTER
Iscriviti
X