I Pir riprendono fiato

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 1 Settembre 2021 | 11:29

In base ai dati diffusi ieri da Assogestioni, nel secondo trimestre di quest’anno i fondi PIR tradizionali sono tornati a registrare una raccolta netta positiva pari a +105,6 mln di euro, rispetto ai -316.4 mln del primo quarter e ai -403.3 mln dell’ultimo trimestre del 2020. La raccolta netta totale nel primo semestre è tuttavia ancora negativa -210.8 mln di euro.

L’AUM totale dei 68 fondi PIR (70 a fine primo quarter 2021 e 72 a fine secondo trimestre 2020) è pari a 19.7 mld di euro, in significativo aumento su base trimestrale (+5.9%) grazie all’andamento positivo dei mercati.

In termini di AUM il leader dei PIR rimane Banca Mediolanum con una market share del 21.3%, davanti al gruppo Intesa SanPaolo (20.6%), Amundi (15%), Arca (12%) e Anima (10%).

In termini di singole categorie, è leggermente aumentata l’incidenza sul totale AUM dei prodotti azionari al 29% (dal 28 del primo trimestre), mentre si riducono leggermente i bilanciati al 44% (dal 45%) e i fondi flessibili al 27% (dal 26%).

Assogestioni segnala poi che i PIR alternativi hanno registrato flussi in entrata per +349 mln di euro nel trimestre appena concluso.

Le stime degli analisti di Equita sui Pir

Per i PIR tradizionali gli analisti di Equita stimamo una raccolta netta di circa +500 mln di euro, mentre per i PIR alternativi (dove la Legge di Bilancio 2021 ha introdotto ulteriori benefici fiscali come il credito d’imposta sulle minusvalenze) la raccolta netta attesa è di circa +2/+3 mld all’anno (per raggiungere 10-15 mld di AUM entro cinque anni).

A detta di Equita i PIR restano degli strumenti molto attraenti e vanno nella direzione di canalizzare il risparmio in partecipazioni che creano valore economico e sostenibile per le PMI e per gli investitori. Inoltre, grazie alla combinazione Draghi e Recovery Plan, la Sim milanese che l’Italia sia tra i Paesi più interessanti in cui investire al momento, anche alla luce di un profilo di rischio nettamente migliorato che potrebbe portare un ritorno di capitali verso l’Italia.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi Pir: le previsioni sulla raccolta 2021

Consulenti, i Pir tornano a ruggire

Mediolanum, Doris: “Nuova stagione per i Pir, grazie anche al lavoro dei consulenti”

NEWSLETTER
Iscriviti
X