Fondi Pir: le previsioni sulla raccolta 2021

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 13 Settembre 2021 | 12:02

Dopo quattro trimestri in rosso la raccolta netta dei PIR tradizionali è tornata a essere positiva nel secondo trimestre (+105.6 mln di euro) e a fronte di performance dei fondi molto positive.

Anche i PIR alternativi, (dove la Legge di Bilancio 2021 ha introdotto ulteriori benefici fiscali, i.e. credito d`imposta sulle minusvalenze) hanno registrato per la prima volta flussi in entrata significativi (+349 mln di euro nel secondo quarter).

Sui PIR tradizionali (3.0) gli analisti di Equita stimano una raccolta netta nel 2021 a livello complessivo di circa +500 mln con AUM attesi per fine anno a 20.4 mld di euro (stima alzata dai precedenti 18.6 mld), mentre per i PIR alternativi, in fase di lancio, la stima è compresa tra i +2 e +3 mld di euro all’anno (per raggiungere 10-15bn di AUM entro i prossimi cinque anni).

Equita mantiene poi un outlook positivo sulla raccolta per i prossimi mesi in vista di un auspicato graduale allentamento delle incertezze che pesano sulla propensione dei clienti a nuovi investimenti causate dalla fase pandemica, in un contesto di eccesso di liquidità non utilizzata sui conti correnti e un migliorato contesto per il mercato italiano – soprattutto per le PMI – grazie ai fondi in arrivo dal PNRR e al governo Draghi.

Per questa ragione, Equita ritierne che sia il momento di privilegiare l’Italia nell`asset allocation, e i piani individuali di risparmio rappresentano degli strumenti di investimento incentivati nell’economia italiana.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, settori: ecco vincitori e vinti da inizio 2021

Nobel per l’economia: tre i vincitori quest’anno. Le motivazioni

Asset allocation: ecco come posizionarsi nell’ultimo trimestre del 2021

NEWSLETTER
Iscriviti
X