Mutui, il mercato riparte. A colloquio con Facile.it

A
A
A
di Redazione 12 Ottobre 2021 | 12:33

Intervista esclusiva di Bluerating con Tobias Stuber, ceo di Facile.it

Come sta andando il 2021 per Facile.it? Come avete vissuto l’impatto del Covid?

Nel 2021 Facile sta continuando a crescere con percentuali a doppia cifra e, da gennaio ad oggi, abbiamo creato 262 posti di lavoro, assumendo nuovi colleghi in tutte le diverse sedi che abbiamo in Italia. Continuiamo a portare avanti la strategia di investimenti che ci caratterizza e, per fare qualche esempio, nel corso dell’anno abbiamo già aperto 13 nuovi Facile.it Store che hanno sede in molte città italiane e chiuderemo l’anno con 37 Facile.it Store su tutto il territorio. In ultimo, abbiamo acquisito ed integrato con successo MiaCar.it, una piattaforma per il confronto e l’acquisto di auto nuove o a KM0.

Sebbene anche noi siamo stati impattati negativamente dal COVID – soprattutto nel 2020 quando, ad esempio, le chiusure hanno limitato l’attività dei nostri Facile.it Store – al contempo abbiamo assistito ad un aumento delle richieste in altre aree come quella delle attivazioni di linee internet e ADSL. In generale, nonostante le difficoltà, anche nel 2020 siamo stati in grado di far crescere il nostro business con tassi a doppia cifra e abbiamo dimostrato di poter resistere alle crisi.

Quali sono i vostri progetti per il prossimo futuro?

Vediamo ancora un grande potenziale per far crescere in maniera significativa tutte le nostre business units. Siamo fermamente convinti che confrontare le migliori offerte per i clienti ed aiutarli a scegliere e gestire la soluzione migliore per le loro necessità, consentendogli di risparmiare tempo e denaro, sia una customer proposition molto forte, che convincerà sempre più persone in futuro.

Continueremo a porci obiettivi ogni giorno più sfidanti anche per i processi tecnologici e di digitalizzazione, così da offrire ai nostri clienti la migliore esperienza possibile.

Oltre al nostro comparatore delle polizze auto, ormai un successo conclamato e riconosciuto, vogliamo fare in modo che anche le altre linee di confronto che abbiamo su Facile.it siano sempre più note in Italia; parlo della possibilità che diamo agli utenti di comparare le tariffe energia, i mutui, i prestiti e, come detto prima, da qualche mese anche le auto nuove o a KM0. Se ci pensate, in ciascuna di queste aree i consumatori possono risparmiare facilmente diverse centinaia di euro ogni anno. Facile.it è l’indirizzo dove tutti gli italiani possono andare per confrontare e, in questo modo, risparmiare sulle principali spese legate ai budget familiari.

Voi siete nati nel 2008. Come siete cambiati nel corso degli anni e come sono cambiati a vostro avviso i mercati con i quali vi rapportate? Quali sono i comparti che avete visto crescere maggiormente e perché?

Come prima cosa siamo passati dall’essere una start-up con meno di 10 dipendenti ad un’azienda importante con oltre 700 fra dipendenti e collaboratori operanti in tutta Italia. Inoltre, anno dopo anno abbiamo aggiunto nuove business units e possibilità di confronto su prodotti molto diversi. Siamo sempre stati nell’invidiabile posizione di chi vede crescere tutte le proprie linee di prodotto in modo costante e, cosa ancora più importante, non prevediamo che questo cambi nel prossimo futuro. Gli utenti hanno via via preso maggiore confidenza col web e vogliono fare sempre più cose online e ci aspettiamo che la tendenza continui.

Un momento importante nella nostra storia aziendale è stato di sicuro il decidere di aprire il primo Facile.it Store, a Varese nel 2017; questo ci ha permesso di dare agli utenti un ulteriore canale per accedere ai nostri servizi. Risale ad allora il primo passo del percorso all’approccio multicanale di Facile.it, che consente ai clienti di scegliere la modalità di utilizzo che preferiscono e ritengono più adatta alle loro necessità. Da allora abbiamo continuato a camminare su quella strada, e non ci siamo mai fermati.

Consentitemi di aggiungere un ultimo pensiero riguardo alla nostra storia. Noi siamo cambiati moltissimo in questi anni, ma quello che non è mai cambiato è ciò che, fin dal primo giorno, rappresenta il fulcro della nostra vision: rendere la vita di tutti i giorni più facile per i nostri clienti.

Come giudicate lo stato di salute attuale del mercato dei mutui in Italia? 

Nel 2021 abbiamo davanti agli occhi un mercato in ottima salute, caratterizzato da un leggero aumento dei tassi di interesse – comunque ancora molto bassi se confrontati con quelli degli anni passati – ed una crescita dei “nuovi mutui”, con una contemporanea riduzione delle surroghe. Da mettere in evidenza sono, senza dubbio, alcune novità importanti nelle tipologie di prodotti offerti, prime fra tutte i cosiddetti mutui green – che permettono di ottenere sconti e vantaggi acquistando un immobile in classe energetica A o B – e i mutui dedicati ai giovani.

In merito a quest’ultimo tipo di finanziamento, grazie all’importante iniziativa introdotta dal governo, che rende più semplice per i giovani italiani accedere ad un mutuo per comprare casa, e il conseguente interesse da parte del mercato di riferimento, ci è stato possibile creare addirittura sezioni dedicate sul nostro sito; in esse non solo confrontiamo le offerte disponibili, ma anche ne spieghiamo approfonditamente le caratteristiche. Siamo stati la prima piattaforma ad integrare nel comparatore, in maniera dedicata, i mutui dedicati ai giovani.

Grazie ai nostri consulenti, professionisti estremamente capaci ed esperti, possiamo aiutare i clienti a scegliere il mutuo più adatto alle loro necessità e, cosa altrettanto fondamentale, li supportiamo per l’intero processo legato alla concessione del finanziamento.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cessione del quinto, dopo il lockdown aumentano le richieste (+10,2%)

Mutui, aumenta del 5,8% l’importo medio erogato

Monopattini elettrici, l’incognita delle assicurazioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X