La ribalta della bancassurance spinta dal settore danni

A
A
A
di Antonio Potenza 15 Dicembre 2021 | 11:57

La bancassurance sta vivendo un momento importante, di ribalta, dopo la crisi vissuta a seguito del mancato esperimento andato in porto di Allianz-Dresdner. Ai giorni nostri si ragiona su nuovi modelli che possano dare una solidità alla struttura di banca-assicurazione, molto diversi dai prima citati. Questo movimento è anche frutto della scelta delle banche di internalizzare la fabbrica prodotto oppure della decisione di sottoscrivere accordi di joint venture.

A parlare di tutto questo con Il Sole 24 Ore, in un’analisi puntuale, sono stati i partner di Oliver Wyman, società di consulenza manageriale controllata dal gruppo Marsh &McLennan, ovvero Paolo Vagnone e Davide Furlan.

“In prospettiva credo che prevarranno due soluzioni: la fabbrica interna o la selezione di uno o al massimo due accordi di carattere commerciale” ha dichiarato al quotidiano economico Vagnone, sottolineando l’importanza del segmento vita e delle polizze unit linked. Per questo Furlan ha sottolineato: “Non a caso l’80% dei premi vita passa da promotori o dal canale bancassurance“.

Nel danni il quadro è ben diverso: “La Francia, forte della sua struttura distributiva, ha un tasso di penetrazione che sfiora il 4% grazie al gatto che la vendita allo sportello rappresenta circa il 18% dei premi danni complessivi” ha commentato Fulran. In Italia, d’altro canto, la bancassurance vale appena il 7/8% del mercato, con  un tasso di penetrazione inferiore al 2%.

Per la svolta, secondo i due manager, “è necessario che il settore assicurativo sia nelle priorità strategiche del ceo di una banca. Che si occuperà poi di  adeguare anche il modello operativo con prodotti semplici, con la capacitò di sfruttare al massimo le occasioni di cross-selling, di intercettare le oppportunità di vendita grazie all’utilizzao dei dati disponibili e infine di offrite la miglior ustomer journey” ha concluso Furlan.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Generali, Cirinà punta al rilancio

Allianz: partneship con Revolut per le assicurazioni di viaggio

Assicurazioni, l’insurtech ora tifa Milan

NEWSLETTER
Iscriviti
X