Ubs, in Italia l’Optimus Foundation. Al via l’Ukraine Relief Fund

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 30 Marzo 2022 | 10:30

UBS ha annunciato il lancio in Italia della UBS Optimus Foundation.

La fondazione a scopo benefico della banca, già attiva in diversi Paesi dal 2004, è uno strumento che UBS offre ai propri clienti per dedicarsi alle attività filantropiche, grazie al supporto di numerosi professionisti del settore e partner internazionali attivi nel no profit.   Optimus Foundation rientra nell’ambito di UBS Philantropy Services, la piattaforma globale che accompagna i clienti di UBS nel loro percorso di filantropia. Nello specifico, Optimus Foundation collabora con partner internazionali attivi nel no profit e agisce su quattro principali aree: salute, istruzione, protezione dei bambini e ambiente.

Per quanto riguarda l’Italia, le attività di Optimus Foundation si concentreranno inizialmente su due progetti: uno a sostegno della popolazione ucraina colpita dalla guerra, l’altro per supportare il movimento COVAX a favore della vaccinazione contro il Covid-19.

Il fondo Ukraine Relief

Attraverso il fondo Ukraine Relief lanciato da poco, UBS Optimus Foundation sta sostenendo l’International Rescue Committee e Americares che forniscono assistenza e aiuti umanitari ai civili costretti a fuggire dall’Ucraina, lavorando sia con partner locali sia con quelli dei paesi vicini, come la Polonia.

La Fondazione sta anche collaborando con Lumos and Hope e Homes for Children per garantire la sicurezza dei bambini negli orfanotrofi durante questo delicato momento.

Inoltre, il fondo andrà a sostenere anche altre organizzazioni di fiducia a seconda delle necessità in continuo mutamento. Per ogni donazione a favore dell’Ukraine Relief Fund effettuata con Optimus Fundation, UBS farà una donazione equivalente, raddoppiando in questo modo le donazioni fino ad un massimo di 25 milioni di dollari.

Il progetto Covax

Il progetto COVAX, invece, è supportato da Optimus Foundation per consentire alle popolazioni di paesi a basso reddito di avere accesso a diagnosi, trattamenti e vaccini contro il Covid – 19. Grazie al sostegno di UBS e alla partnership con la Bill & Melinda Gates Foundation e GAVI Matching Fund, ogni donazione sarà più che raddoppiata, consentendo così di massimizzare l’impatto di ciascun contributo.

Di seguito ti invio le dichiarazioni di Phyllis Costanza, Head of Social Impact e CEO UBS Optimus Foundation e Paolo Federici, Market Head di UBS Global Wealth Management in Italia e Board Member di UBS Optimus Foundation, di cui puoi trovare anche le foto in allegato insieme al comunicato stampa completo di tutti i dettagli.

Phyllis Costanza, Head of Social Impact e CEO UBS Optimus Foundation ha commentato: “Siamo davvero felici di poter annunciare che Optimus Foundation è arrivata anche in Italia. Constatiamo con orgoglio come il numero dei clienti che ci sceglie come partner per loro attività filantropiche sia in continua crescita, e questa necessità si sta rafforzando anche in Italia. La passione dei clienti unita alla nostra expertise, e il costante lavoro con partner internazionali di eccellenza attivi nel non-profit, ci permette di supportare le iniziative filantropiche con scelte innovative e che possano fare la differenza da un punto di vista sia sociale che ambientale”.

Paolo Federici, Market Head di UBS Global Wealth Management in Italia e Board Member di UBS Optimus Foundation, ha commentato: “È davvero con grande entusiasmo che annunciamo oggi l’arrivo di Optimus Foundation anche nel nostro Paese, con progetti quanto mai attuali sia a favore della campagna vaccinale, sia a sostegno della popolazione ucraina colpita dalla guerra. Proprio questo conflitto ha posto infatti ancora di più l’attenzione sulla necessità di attivarsi in modo consapevole e concreto per fornire aiuti e assistenza alle persone colpite dalla devastazione della guerra. In generale l’obiettivo di UBS, nel percorso di filantropia così come in tutto il percorso di investimento, è riuscire a guidare il cliente e supportarlo con una strategia attenta e il più possibile personalizzata con un concreto impatto sociale anche su larga scala.  Sono certo che molti nostri clienti, da sempre attenti alla sostenibilità sociale ed ambientale, coglieranno con entusiasmo questa nuova opportunità, abbracciando i progetti della Fondazione”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X