Venture capital: i vincoli normativi rallentano le quotazioni in Borsa

A
A
A
di Redazione 1 Luglio 2022 | 14:01

“Negli ultimi due decenni negli Stati Uniti il numero di società quotate in Borsa si è dimezzato. Ciò significa che anche le opportunità per gli investitori in azioni statunitensi si sono dimezzate”. Ad affermarlo è Christian Munafo, advisor venture capital di GAM Investments, che di seguito spiega la propria visione in merito.

Negli anni ’90, o addirittura negli anni ’80, mediamente una società sostenuta da un venture capital diventava pubblica entro quattro anni dalla sua nascita, con una capitalizzazione media di mercato di circa 0,5 miliardi di dollari. Oggi, società dello stesso tipo rimangono private in media per 12 anni, o in alcuni casi per 15 e 20 anni, e nel frattempo crescono fino a diventare società con una capitalizzazione di mercato molto più grande. Aziende come Microsoft, Oracle, Amazon e Google si sono quotate in borsa molto prima nel corso dello sviluppo delle proprie attività rispetto a quanto tendono a fare oggi. Ciò significa che le aziende late stage e ad alta crescita sostenute da venture capital si stanno evolvendo e trasformando in attività operative molto più grandi nel mercato privato.

Questo sviluppo è stato determinato da una serie di fattori. Una delle ragioni per cui le aziende rimangono private più a lungo è quella di evitare le sfide normative. Diventare una public company può essere oneroso e costoso, quindi se le aziende possono evitare questo onere, tendono a scegliere di rimanere private più a lungo. In secondo luogo, le società che rimangono private più a lungo tendono a essere aziende tecnologiche late stage, ad alta crescita ed elevata innovazione. Queste aziende crescono tra il 50% e il 200% all’anno e, data la loro natura innovativa e dirompente, non vogliono necessariamente essere vincolate a rendere conto dei risultati trimestrali. Quando le aziende cercano di sconvolgere un’industria o un settore e si concentrano sull’espansione, essere vincolati alle stime degli utili trimestrali può essere limitante. Per questo motivo, vediamo molte aziende che scelgono di rimanere private più a lungo fino a quando non avranno maturato e ottimizzato vari aspetti dei loro modelli di business, dopodiché potranno concentrarsi sul raggiungimento degli utili trimestrali. L’ultimo e più importante motivo per cui le aziende rimangono private più a lungo è la quantità di capitale nei mercati privati, che è salita alle stelle. L’anno scorso sono stati impegnati più di 300 miliardi di dollari per l’asset class del venture capital, di cui 230 miliardi di dollari sono stati destinati solo a queste aziende in fase avanzata. Solo nell’ultimo decennio abbiamo assistito all’allocazione di oltre 1.000 miliardi di dollari di capitale a queste società.

In contesti di mercato incerti come quello attuale, siamo in grado di trarre vantaggio dalle dislocazioni macro e di negoziare interessanti punti di ingresso, il che significa che siamo in grado di acquistare titoli con un notevole sconto. A nostro avviso, si tratta di un ciclo interessante per l’impiego del capitale, che ci consente di assicurarci punti di ingresso interessanti. I mercati privati sono complementari a un portafoglio tradizionale di quotate e possono offrire fonti di rendimento decorrelate.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti