Asset allocation: l’outlook multi-asset di Janus Henderson

A
A
A
di Redazione 10 Agosto 2022 | 14:04

Paul O’Connor, Head of Multi-Asset, Janus Henderson

Gli studenti di storia dei mercati finanziari non saranno rimasti molto sorpresi dal rimbalzo di luglio dell’indice NASDAQ 100, dato che si trattava della quindicesima volta consecutiva che esso registrava rendimenti positivi durante il mese. Tuttavia, pochi avevano previsto un’impennata del 13%.

Mentre i titoli growth statunitensi hanno guidato la carica a luglio, quasi tutte le asset class hanno registrato buone performance, ad eccezione dei titoli dei mercati emergenti e di alcune materie prime. L’umore apparentemente positivo degli investitori è apparso non in linea con le sfide sostanziali in corso sul fronte economico, politico e globale. Dopo tutto, luglio è stato il mese in cui gli Stati Uniti sono entrati in recessione tecnica, l’Italia e il Regno Unito hanno visto dimettersi i loro primi ministri e i prezzi del gas naturale in Europa sono aumentati di un terzo. È stato anche un mese in cui l’umore del mercato cinese è peggiorato, con il riemergere delle preoccupazioni per la situazione del COVID e del mercato immobiliare e con l’ulteriore peggioramento delle relazioni politiche tra USA e Cina.

Nelle ultime settimane, una rapida rivalutazione delle aspettative sui tassi di interesse ha dato ai mercati la fiducia necessaria per scrollarsi di dosso tutte queste preoccupazioni. L’evidenza diffusa di un rallentamento della crescita e i segnali emergenti di un picco dell’inflazione hanno dato spazio a chi pensa ad una fase di allentamento. Mentre a metà giugno i prezzi di mercato indicavano che la Fed avrebbe spinto i tassi di interesse al 4% nel secondo trimestre del prossimo anno, ora si prevede che i tassi raggiungeranno un picco vicino al 3,25% intorno alla fine di quest’anno. Anche le aspettative sui tassi del Regno Unito e dell’Eurozona per il 2023 sono state drasticamente ridimensionate.

Il percorso di rialzo si restringe da qui

La riduzione dei rischi percepiti circa un eccessivo irrigidimento delle banche centrali ha attenuato le preoccupazioni degli investitori per la recessione. Così, mentre all’inizio dell’anno i titoli di Stato sono stati venduti insieme agli asset di rischio, con l’aumento delle aspettative sui tassi si è assistito a un consistente rally di compensazione sia per gli asset difensivi che per quelli di rischio. Con un posizionamento degli investitori generalmente ancora piuttosto cauto, i recenti rimbalzi sia delle azioni sia dei titoli di Stato potrebbero avere un ulteriore margine, se i dati economici e le comunicazioni delle banche centrali rimarranno favorevoli. Tuttavia, la strada per un rally sostenuto degli asset di rischio sembra particolarmente stretta, con rischi considerevoli su entrambi i fronti.

Guardando alla politica monetaria, il rischio principale per i mercati è che le aspettative siano diventate eccessivamente ottimistiche circa il livello e la durata dei tassi di interesse nelle principali economie. Sebbene le tendenze a breve termine della crescita globale e dell’inflazione dei beni supportino il recente ripensamento delle aspettative sui tassi, è tutt’altro che scontato che le banche centrali vogliano avallare questo cambiamento e piuttosto plausibile che vogliano fare marcia indietro. Con l’IPC statunitense che sembra destinato a superare il 9% nei prossimi mesi e l’inflazione britannica che continua a rimanere a due cifre, la Fed e la Banca d’Inghilterra saranno caute nel suggerire che la loro attuale battaglia contro l’inflazione è prossima alla conclusione e difficilmente accoglieranno un ulteriore allentamento delle condizioni monetarie in questo momento.

Sul fronte della crescita, i rischi globali continuano ad accumularsi. Lo slancio macroeconomico sta chiaramente diminuendo in tutte le principali economie, mentre i boom legati alle riaperture si affievoliscono e la stretta monetaria inizia a farsi sentire. Le previsioni di consenso sulla crescita reale del PIL statunitense per il 2022 sono scese dal 4% circa di inizio anno all’attuale 2%. Le previsioni per la crescita del prossimo anno sono solamente dell’1,3% negli Stati Uniti, 1,1% nell’Eurozona e 0,6% nel Regno Unito. Al di là dell’evoluzione delle dinamiche cicliche, vi sono una serie di rischi di crescita idiosincratici, legati alle forniture di gas russo in Europa, ai problemi immobiliari in Cina e a una serie apparentemente crescente di preoccupazioni politiche globali.

Ridurre i rally, aggiungere qualità

Pur intravedendo aree di valore nei mercati globali, dopo il crollo del primo semestre, saremmo cauti nel valutare i recenti guadagni di mercato. Siamo più propensi ad attenuare il rally degli asset di rischio che a inseguirlo. Possiamo prevedere un percorso di rialzo per gli asset di rischio a partire da questo momento, ma si tratta di una strada ristretta, che richiede un rallentamento sufficiente a convalidare le aspettative sui tassi recentemente ridotte, ma non così tanto da accentuare le preoccupazioni sulla crescita. Per ora, questo non è il nostro scenario di base. Ci aspettiamo che i mercati rimangano incerti e consideriamo il rally in corso come una buona opportunità per aggiungere resilienza ai portafogli, ruotando le esposizioni verso la fascia di qualità di ciascuna asset class.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti