Neva, il fondo di Intesa Sanpaolo cresce e punta sulla biotech

A
A
A
di Redazione 15 Settembre 2022 | 11:14

Sostenere le nuove tecnologie applicate ai campi dell’economia e della scienza, senza trascurare il sociale. Neva Sgr – società del Gruppo Intesa Sanpaolo controllata al 100% da Intesa Sanpaolo Innovation Center – ha chiuso con successo il fundraising del Fondo Neva First di 250 milioni di euro, dedicato agli investimenti in aziende altamente innovative in tutto il mondo, e prepara per il 2024 un nuovo grande Fondo che potrebbe avere il doppio delle dimensioni, fino a 500 milioni.

Come scrive l’Ansa, i risultati raggiunti e i progetti per il futuro sono stati illustrati dal ceo Mario Costantini e dal presidente Luca Remmert nel corso di un evento a Torino.

“I risultati che stiamo raccogliendo dagli investimenti fatti sono positivi, ci incoraggiano e ci fanno pensare che questo sia soltanto un inizio”, ha dichiarato il presidente di intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro.

Neva SGR ha anche annunciato che, tramite il proprio Fondo Neva First, ha effettato un investimento in Tr1X, società biotech statunitense che studia e sviluppa cure per malattie autoimmuni e infiammatorie attraverso l’ingegnerizzazione di cellule T. Grazie alle risorse provenienti dal round di raccolta, a cui hanno partecipato anche altri venture capitalist internazionali, Tr1X inizierà il processo di approvazione di nuovi farmaci presso la US Food & Drug Administration, con l’obiettivo di poter somministrare la prima dose sperimentale clinica nel 2023.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti