Fondi Pacifico: Cina e Hong Kong in testa

A
A
A
di Roberto Dotti 1 Settembre 2008 | 12:00
Il comparto investe principalmente nelle azioni, nelle obbligazioni convertibili, nei buoni di sottoscrizione, nei certificati di investimento, nei warrant su azioni o negli altri titoli assimilabili alle azioni, emessi da società aventi sede nella Repubblica Popolare Cinese. La parte restante degli attivi può essere investita in azioni, obbligazioni convertibili, buoni di sottoscrizione, certificati d’investimento, warrant su azioni o titoli assimilabili diversi da quelli previsti nella politica principale, in obbligazioni, strumenti del mercato monetario o liquidità.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari Pacifico vede il fondo Parvest China in vetta alla classifica nella settimana che va dal 19 al 26 agosto con una performance positiva del +5,3%.
Il comparto, lanciato nel marzo 1995, gestisce un patrimonio di 528,8 mln di dollari e ha registrato una performance YTD negativa -35,3% contro una performance a 3 anni del 15,1%.
Il benchmark di riferimento è il MSCI China 10/40 Usd Index.

In Cina il consumo di energia è alimentato dalla vorticosa crescita degli ultimi due decenni, tanto che già nel 2003 superò il Giappone nella classifica mondiale degli importatori di greggio, ponendosi al secondo posto dopo gli Stati Uniti.

Le piazze asiatiche hanno un andamento misto, con i titoli finanziari che soffrono per le notizie prevenienti dall’America sull’instabilità del mercato del credito e con i titoli tecnologici in calo sempre a causa delle cattive performance del settore in Usa, mentre gli energetici hanno beneficiato del rialzo del greggio. Il prezzo del petrolio, infatti, è ancora in salita per il quarto giorno consecutivo, sempre sui timori che l’uragano Gustav danneggi gli impianti petroliferi nel Golfo del Messico.

Sidney ha chiuso in positivo grazie soprattutto al rimbalzo dei finanziari e alle commodity. Anche Taiwan risente delle performance negative del settore tecnologico in Usa, mentre i finanziari come Taishin Financial rimbalzano dopo che le autorità hanno detto di non aver intenzione di riformare il settore finanziario.

A Shangai , invece, i più colpiti sono stati i finanziari e gli immobiliari, anche a causa dell’allontanamento della possibilità di provvedimenti governativi per rilanciare l’economia.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 19/08 AL 26/08

Valuta fondo percentuale
USD PARVEST CHINA 5,28%
USD HSBC GIF CHINESE EQUITY 4,56%
USD CAF GREATER CHINA 4,16%
USD HSBC GIF HONG KONG EQUITY 3,26%
USD SISF CHINA OPPORTUNITIES 3,25%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 19/08 AL 26/08

Valuta fondo percentuale
EURO HSBC GIF KOREAN EQUITY -7,66%
USD JP MORGAN FUNDS JF KOREA EQUITY FUND -6,64%
USD CAF KOREA -6,59%
JPY FORTIS L FUND EQUITY BEST SELECTION JAPAN -3,41%
USD CAF THAILAND -3,31%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Agli investitori stranieri oltre la metà delle spa quotate a Milano

Montepaschi, fondi esteri in soccorso, ma solo per…

Fondi comuni – HSBC liquida tre comparti

NEWSLETTER
Iscriviti
X