Fondi America: luci e ombre

A
A
A
Avatar di Roberto Dotti 5 Settembre 2008 | 12:30
A parte i soliti titoli finanziari che gettano ombre sui mercati con la loro instabilità e la paura di nuove svalutazioni e aumenti di capitali, l’economia americana sembra stia imboccando la strada per il giro di boa di questo difficile periodo. Complice anche la diminuzione del prezzo del petrolio che ha provocato un rimbalzo positivo per gli Stati Uniti che ha avuto ripercussioni sugli scambi in dollari. Gli analisti temono però un rally nel prossimo autunno anche in conseguenza dell’instabilità dei rapporti tra Usa e Russia.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari America vede il fondo Globersel Usa in vetta alla classifica nella settimana che va dal 25 agosto al 1 settembre con una performance positiva del +3,3%.
Il comparto, lanciato nel febbraio 2006, gestisce un patrimonio di 10,9 milioni di euro e ha registrato una performance da inizio anno negativa per 27,7 punti percentuali.
Il benchmark di riferimento è costituito al 90% dal S&P 500 e al 10% Merrill Lynch Euro Government Bill Index.

Il comparto investe in azioni denominate prevalentemente in dollari statunitensi e quotate nei mercati regolamentati statunitensi e canadesi. Peso residuale viene assunto dagli investimenti in titoli non americani e in società attive nel settore delle Borse valori e nell’intermediazione finanziaria.

Tra le altre performance da segnalare la maglia nera fatta registrare dal fondo Parworld Track North America che nella settimana di riferimento ha lasciato sul terreno il 7,50%. D’altronde i fondi azionari focalizzati sul mercato statunitense hanno dovuto fare i conti con uno scenario non sempre entusiamante.

Al momento, i timori per l’uragano Gustav ha spinto al rialzo il prezzo del petrolio che era inizialmente in fase discendente. L’alto prezzo raggiunto negli ultimi mesi ha portato una contrazione della domanda negli Usa.

Dopo il massimo registrato verso la metà di luglio il cambio euro-dollaro ha toccato il suo minimo intorno a 1,45 in poco meno di un mese. Il dollaro in ripresa influisce positivamente per il bilanciamento della domanda interna attraverso le esportazioni.

L’ Antitrust americana ha dato il via libera all’acquisto da parte di Temasek di 3,4 miliardi di dollari di azioni di Merrill Lynch. Il fondo sovrano di Singapore era già azionista della banca d’affari possedendo il 9% e si è impegnata a salire al 13% delle quote.

Per quanto riguarda il mercato immobiliare, le compravendite stanno beneficiando del calo dei prezzi, scesi del 7,1% su base annua.

La fiducia dei consumatori, secondo la ricerca dell’istituto privato Conference Board, è salita a 56,9 punti dai 51,9 di luglio, superando le previsioni del mercato.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 25/08 AL 01/09

Valuta fondo percentuale
EURO GLOBERSEL USA 3,28%
EURO PIONEER FUNDS – U.S. MID CAP VALUE 3,12%
EURO SISF US LARGE CAP EUR HEDGED 2,96%
USD SISF US LARGE CAP 2,73%
EURO DARTA USA 2,72%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 25/08 AL 01/09

Valuta fondo percentuale
EURO PARWORLD TRACK NORTH AMERICA -7,50%
USD INVESCO US 130/30 EQUITY FUND -2,56%
USD SELLA SICAV LUX EQUITY USA -1,38%
USD INVESCO US GROWTH EQUITY FUND -1,22%
USD INVESCO US EQUITY FUND -1,07%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Agli investitori stranieri oltre la metà delle spa quotate a Milano

Montepaschi, fondi esteri in soccorso, ma solo per…

Fondi comuni – HSBC liquida tre comparti

NEWSLETTER
Iscriviti
X