Investimenti, le sfide del secondo semestre

A cura di Stefan Breintner, Head of Research & Portfolio Management di DJE Kapital AG

Guardando al mese di agosto rimaniamo cauti. Molti mercati azionari hanno messo a segno buone performance nei primi sei mesi di quest’anno, ma il prossimo periodo potrebbe essere più impegnativo.

Agosto e settembre sono spesso mesi difficili e la situazione monetaria può ancora essere classificata come negativa. L’economia statunitense sta resistendo bene, ma in Europa i rischi economici sono in forte aumento. Gli indicatori tecnologici di mercato tendono spesso a essere più positivi, ma non forniscono ancora un chiaro segnale di vendita. Molti settori difensivi non hanno registrato alcuna performance nel 2023 e offrono quindi un certo potenziale di recupero.

Vediamo opportunità in

  • Giappone dove è presente una crescita relativamente buona della disponibilità di moneta, beneficiario del fenomeno del “near shoring” in Asia.
  • Settore energetico: il contesto fondamentale sta migliorando (compreso il calo dell’attività di trivellazione negli USA).
  • Cina: Il governo ha riconosciuto la necessità di stimolare maggiormente l’economia e che il Paese rimane fortemente dipendente dallo sviluppo dell’economia globale; l’economia cinese potrebbe riprendersi in modo più deciso nel medio termine con maggiori stimoli. Ciò potrebbe avere un impatto positivo anche sul settore dei materiali.
  • Società (statunitensi) che beneficiano fortemente dell’Inflation Reduction Act e che quindi sperimentano uno speciale stimolo fiscale.
  • I quality bond con scadenze da due a quattro anni continuano a offrire tassi d’interesse interessanti con un rischio moderato.

Vediamo invece dei rischi:

  • La solidità del mercato è migliorata, ma non si può parlare di un aumento salutare in quanto gli utili non sono cresciuti con i prezzi
  • Significativo calo dell’offerta di moneta M1 negli Stati Uniti e in Europa; secondo i nostri calcoli, di recente il contesto di investimento si è deteriorato ulteriormente
  • Profonda inversione delle curve dei rendimenti, segnale di un atterraggio duro
  • Recessione profonda e prolungata in Europa

Lo scenario di una recessione globale non è realistico. In Germania e in Europa, tuttavia, i rischi economici sono in netto aumento: il forte indebolimento degli indicatori anticipatori, compresi gli indici PMI e la profonda inversione della curva dei rendimenti sono segnali di un atterraggio duro. L’Europa e soprattutto la Germania potrebbero trovarsi di fronte a un periodo prolungato di crescita debole. Le attuali misure politiche in Germania dovrebbero essere considerate in modo molto critico: la mancanza di comprensione dei politici nei confronti dell’industria porterà probabilmente a una maggiore delocalizzazione della produzione negli Stati Uniti e in Asia. Sul fronte cinese, il governo si è reso conto di dover agire con maggiore incisività per far ripartire l’economia.

Considerata l’inflazione core in calo ma ancora elevata, i rapidi tagli dei tassi d’interesse non sembrano realistici. Prevediamo che il livello di plateau persisterà ancora. La dichiarazione di Powell dello scorso 27 luglio “non prevediamo che l’inflazione torni al 2% prima del 2025″ lascia presagire che i tagli dei tassi potrebbero avvenire più lentamente di quanto attualmente ipotizzato da molti operatori di mercato. La BCE probabilmente non alzerà ulteriormente i tassi d’interesse vista la debolezza dell’economia tedesca. Anche l’inflazione complessiva potrebbe aumentare nuovamente dal quarto trimestre in poi (a causa dei prezzi dell’energia).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!