Da Schroders Greencoat un fondo sulla transizione energetica

Schroders Greencoat, gestore specializzato in infrastrutture per le energie rinnovabili e la transizione energetica di Schroders Capital, ha annunciato il lancio del fondo Schroders Capital Semi-Liquid Energy Transition. Il prodotto va ad aggiungersi a un’innovativa gamma in risposta alla crescente domanda di soluzioni d’investimento legate alla transizione energetica.

Il fondo espande ulteriormente la serie di strategie semi-liquide di Schroders Capital. L’obiettivo è ampliare l’accesso per i clienti, da una parte, a soluzioni nei mercati privati che siano capaci di offrire nuove fonti di rendimento e diversificazione e, dall’altra, a prodotti nell’ambito della transizione energetica.

La struttura semi-liquida ed evergreen consentirà a Schroders Greencoat di investire in asset infrastrutturali illiquidi con una prospettiva di lungo termine, offrendo al contempo maggiore flessibilità e semplicità operativa agli investitori.

Attingendo alla vasta esperienza di Schroders Greencoat nel settore delle infrastrutture rinnovabili e dell’energy transition, il fondo, gestito con approccio attivo e classificato come Articolo 9 ai sensi della normativa SFDR, investirà il capitale in vari asset a sostegno della transizione energetica.

La generazione di energia rinnovabile è la spina dorsale della transizione energetica e Schroders Capital Semi-Liquid Energy Transition investirà in parchi eolici e solari su larga scala. Punterà anche ad altre infrastrutture che sostengono la transizione energetica, come nel settore dell’idrogeno pulito, stoccaggio delle batterie, teleriscaldamento, infrastrutture di ricarica, reti elettriche e cattura del carbonio.

Il fondo investirà strategicamente il capitale in diverse tecnologie e fasi di progetto a livello globale, con un’attenzione specifica agli Stati Uniti e all’Europa.

Schroders Capital Semi-Liquid Energy Transition mira a generare rendimenti corretti per il rischio con un obiettivo di rendimento lordo superiore al 10%.

Duncan Hale, portfolio manager di Schroders Greencoat, ha commentato: “La transizione energetica rappresenta uno dei temi più importanti per i portafogli dei clienti e riteniamo sia un momento cruciale per accedere a questo tipo di investimenti. Questo fondo dimostra il nostro impegno ad ampliare l’accesso ai private asset e a generare rendimenti positivi per i nostri clienti attraverso l’allocazione diretta sulle infrastrutture legate alla transizione energetica. Raggiungere le zero emissioni nette entro il 2050 richiede cambiamenti e investimenti significativi nelle infrastrutture energetiche. Questo fondo offre agli investitori la grande opportunità di beneficiare di una struttura innovativa garantendo l’accesso ad asset legati alla transizione energetica: questi hanno non solo un interessante potenziale di rendimento, ma anche un profilo di rischio con un elevato potere di diversificazione del portafoglio. Siamo orgogliosi di contribuire a questa evoluzione grazie al track record di successo e alla solida esperienza di Schroders Greencoat. Abbiamo fiducia nella nostra capacità di generare valore per gli investitori sostenendo la rivoluzione della transizione energetica”.

Questo lancio rappresenta il primo fondo infrastrutturale e il sesto fondo semi-liquido di Schroders Capital, che diversifica ulteriormente il suo solido portafoglio di investimenti in private equity, venture capital, immobiliare e impact investing.

Con masse in gestione pari a 1,4 miliardi di dollari al 30 giugno 2023, la gamma semi-liquida di Schroders Capital offre agli investitori un’ampia gamma di opportunità di investimento e un percorso di crescita sostenibile e a lungo termine.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nella tua Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!