Fondi Pacifico, ne resta solo uno

A
A
A
di Roberto Dotti 6 Ottobre 2008 | 14:30
L’indice MSCI giapponese nell’ultimo mese ha perso il 5,6%. La produzione industriale di agosto è scesa così come la spesa delle famiglie, mentre la disoccupazione è ai massimi dal 2006. La situazione nel Paese sembra aggravarsi sulla scia delle notizie negative che balzano da una parte all’altra del mondo. Anche in Giappone, infatti, l’indice Tankan sulla fiducia delle imprese ha toccato i livelli minimi da cinque anni.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari Pacifico vede il fondo Bright Oak Geo Japan in vetta alla classifica nella settimana che va dal 23 al 30 settembre con una performance positiva del +0,26%.

Il comparto, lanciato nel gennaio 2003, gestisce un patrimonio di 51 mln di euro e ha registrato una performance YTD negativa -15,2% contro una performance a 3 anni del -9%. Questo Comparto investe principalmente in strumenti finanziari di natura azionaria giapponesi. Il Comparto è denominato in Euro.

Nonostante la crisi il Giappone resta la seconda economia mondiale con molte tra le più grosse società a livello globale. Inoltre, in un momento in cui molte società finanziarie in crisi stanno svendendo i propri asset, le istituzioni finanziarie giapponesi cercano di trarre vantaggio dai prezzi di saldo per consolidare le proprie posizioni sia sul mercato interno che all’estero.

Ad esempio Nomura ha assorbito le attività in Asia, Europa e Medio Oriente di Lehman, così come le attività informatiche e di back-office in India della stessa società, arrivando a farsi carico di circa 8 mila persone.

Mitsubishi Ufj ha raggiunto un accordo per acquisire il 9,9% del gestore scozzese Aberdeen A.M.. Nippon Life e Tokyo Marine sono invece interessate al ramo Vita messo in vendita dall’assicuratore Aig.

Le Borse asiatiche sono ancora in discesa, anche dopo l’approvazione del piano di emergenza di 700 miliardi di dollari, a cause della paura che ha contagiato gli investitori per il rallentamento dell’economia globale, ora che la crisi finanziaria mostra di aver contagiato anche l’Europa e di aver fatto le prime vittime. Infatti l’approvazione del piano Paulson non da sufficienti garanzie e si pensa che l’economia peggiorerà lo stesso.

Metalli e energia sono scesi di prezzo, anche perchè, a causa della crsi, c’è il timore che il materiale stoccato rimanga invenduto a causa del rallentamento della domanda.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 23/09 AL 30/09

Valuta fondo percentuale
EURO BRIGHT OAK GEO JAPAN 0,26%
EURO GIOTTO LUX FUND EQUITY JAPAN -0,19%
EURO ROSSINI LUX FUND – AZIONARIO GIAPPONE -0,26%
EURO FIDELITY FUNDS – SOUTH EAST ASIA FUND -0,45%
EURO DWS INVEST ASIAN SMALL/MID CAP -1,04%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 23/09 AL 30/09

Valuta fondo percentuale
USD MS ASIAN PROPERTY FUND -9,84%
EURO HSBC GIF INDIAN EQUITY -9,56%
USD HHF PACIFIC EQUITY FUND -8,54%
USD CAF ASIA PACIFIC QUANT -7,99%
EURO SELLA SICAV LUX ASIAN EMERGING EQUITY MARKETS -7,95%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi comuni – L'Europa non tira

Fondi comuni – Paura e speranza dall'Europa dell'Est

Fondi comuni – Scende l'inflazione in Europa

NEWSLETTER
Iscriviti
X