Fondi comuni – tra i settoriali spicca Pioneer Funds – U.S. Reits Securities

A
A
A
di Roberto Dotti 2 Dicembre 2008 | 13:30
L’andamento negativo dell’economia internazionale e la recessione degli Usa influiscono negativamente sulle aspettative degli investitori sul petrolio. Tanto che il prezzo del greggio è ancora diminuito in Asia, dopo la forte perdita di lunedì a New York.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari settoriali vede il fondo Pioneer Funds – U.S. Reits Securities in vetta alla classifica nella settimana che va dal 21 al 28 novembre con una performance positiva del +37,2%.

Il comparto, lanciato nel marzo 2007, gestisce un patrimonio di 20 milioni di euro e ha registrato una performance YTD negativa -45,1%.
Il benchmark di riferimento è il MSCI Us REIT Index.

Il comparto investe almeno due terzi del totale delle proprie attività in un portafoglio diversificato di REITs autorizzati negli Stati Uniti. Il Comparto sarà principalmente investito in azioni e titoli assimilabili, quali ad esempio quote di partecipazione, certificati di partecipazione o warrants per l’acquisto di strumenti finanziari come pure, in misura limitata, come di seguito indicato, in obbligazioni convertibili e in altri attivi consentiti.

I Paesi dell’Opec hanno deciso di rinviare la decisione di ridurre la produzione al prossimo incontro che si terrà fra un mese. E’ poi da segnalare la scarsa fiducia che circola tra i Paesi appartenenti al cartello del petrolio sull’osservanza delle rispettive quote di produzione, tanto che si appoggiano ad una rete si spie per controllare le esportazioni effettive.

Anche il settore dei semiconduttori risende del rallentamento delle vendite: St Microelectronics vede al ribasso i ricavi del quarto trimestre a causa della frenata della telefonia mobile , che riflette la debolezza di tutta l’industria, indipendentemente dal settore e dal mercato.

Pessime le notizie dal mercato dell’auto: la vendita di autovetture nel mese di novembre è crollata del 29,46%.
Tensione anche sui bancari a causa del caso Zalesky forzato ad un disinvestimento delle proprie partecipazioni: almeno una parte della quota che detiene in Intesa potrebbe finire sul mercato.
A Wall Street si registrano forti perdite a causa dei timori degli investitori legati all’andamento delle vendite nella stagione natalizia.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 21/11 AL 28/11

Valuta fondo percentuale
EURO PIONEER FUNDS – U.S. REITS SECURITIES 37,25%
EURO INVESCO ENERGY FUND 29,64%
USD SISF GLOBAL ENERGY 26,65%
USD MLIIF WORLD MINING FUND 24,80%
EURO JULIUS BAER MULTIPARTNER – SAM SMART ENERGY FUND 23,98%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 21/11 AL 28/11

Valuta fondo percentuale
EURO NAS GLOBAL EQUITY CONTROLLED RISK -0,02%
EURO NAS EQUITY CONTROLLED RISK ITALY -0,01%
EURO GENERALI A.M. – GLOBAL LIFE SCIENCE 2,00%
EURO HHF PAN EUROPEAN PROPERTY EQUITIES FUND 2,63%
EURO MEDIOLANUM CHALLENGE HEALTH CARE EQUITY 2,76%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti