T. Rowe Price, Aum in crescita a 812,9 miliardi di dollari

A
A
A
di Chiara Merico 31 Ottobre 2016 | 09:39
Il patrimonio in gestione ha registrato una crescita di 36,3 miliardi di dollari rispetto al 30 giugno 2016.

AUM IN CRESCITA – T. Rowe Price, una delle principali società di asset management al mondo, ha chiuso il terzo trimestre del 2016 con un patrimonio in gestione salito a 812,9 miliardi di dollari al 30 settembre 2016, registrando una crescita di 36,3 miliardi di dollari rispetto al 30 giugno 2016. Quanto alle performance di investimento, per i 3 anni terminati al 30 settembre 2016, l’84% dei fondi di T. Rowe Price ha sovraperformato le medie comparabili di Lipper in termini di ritorno assoluto; percentuale che sale all’88% a 10 anni.

STABILITA’ FINANZIARIA – “Pur essendo lieti che gli investimenti attuati negli ultimi anni stiano guadagnando slancio, restiamo fortemente impegnati a fare di più, per rispondere ancora meglio alle necessità in evoluzione dei clienti e accrescere – e diversificare – il nostro business. Nel trimestre scorso abbiamo svelato un aumento pianificato del nostro ritmo di spesa su una serie di iniziative strategiche”, ha commentato William J. Stromberg, presidente e ceo di T. Rowe Price, aggiungendo: “Nonostante le problematiche relative alle incertezze legate alle nuove regole dello US Department of Labor, i flussi tramite gli intermediari finanziari americani sono rimasti solidi. Vediamo poi trend di vendita positivi nell’area EMEA ed Asia Pacifico, inclusi afflussi costanti nella nostra SICAV T. Rowe Price Funds”. Quotata dal 1986 sul listino NASDAQ di New York e parte dell’indice S&P 500, T. Rowe Price denota anche una forte stabilità finanziaria, confermata da un bilancio che mostra 2,1 miliardi di dollari in cash e investimenti e nessun debito di lungo termine.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: emergenti, il rally del value è appena iniziato

Investimenti, utility a confronto

Asset allocation: le infrastrutture nel portafoglio

NEWSLETTER
Iscriviti
X