Amundi, raccolta netta a 1,1 miliardi nel terzo trimestre

A
A
A
di Chiara Merico 2 Novembre 2016 | 14:38
La raccolta netta dei primi nove mesi dell’anno si attesta a 3,4 miliardi di euro e le masse gestite raggiungono 42,8 miliardi di euro, in crescita del 17% rispetto a settembre 2015.

RACCOLTA IN CRESCITA – Grazie alla consistente raccolta del periodo estivo, Amundi Sgr ha realizzato nel terzo trimestre dell’anno flussi netti pari a 1,1 miliardi di euro. La raccolta netta dei primi nove mesi dell’anno per Amundi Sgr si attesta a 3,4 miliardi di euro e le masse gestite raggiungono 42,8 miliardi di euro, in crescita del 17% rispetto a settembre 2015. Per quanto concerne il rapporto tra la raccolta netta dei primi tre trimestri, rispetto alle masse gestite all’inizio dell’anno, essa risulta pari al 9% per Amundi Sgr, rispetto al 2,5% registrato dall’intero settore del risparmio gestito in Italia nel medesimo periodo. Sul fronte della tipologia di prodotti e servizi collocati, fra gli altri si confermano in crescita i mandati e le gestioni in delega, i fondi di diritto italiano target maturity (anche con protezione), i comparti lussemburghesi sulla volatilità e equity con approccio value, gli ETF sui mercati emergenti e Smart Beta, SecondaPensione. Inoltre, è stato realizzato un finanziamento obbligazionario innovativo che investe direttamente in aziende agroalimentari italiane.

C’E’ DOMANDA DI PRODOTTI DI QUALITA’ – Alessandro Varaldo, amministratore delegato e direttore generale di Amundi Sgr, ha commentato così i dati: “La raccolta realizzata nel terzo trimestre dell’anno, a dispetto dell’incertezza scatenatasi dopo la Brexit e della stagionalità di per sé non particolarmente favorevole, dimostra che c’è ancora domanda per servizi e prodotti di investimento di qualità. Nell’ambito di un’industria che sta rallentando il proprio ritmo di crescita, dopo un triennio particolarmente brillante, Amundi Sgr sta realizzando i suoi migliori risultati di sempre. Attribuisco questo risultato alla capacità del gruppo Amundi di ascoltare i bisogni dei clienti e di sviluppare soluzioni di investimento innovative e anche personalizzate, che integrano una gamma molto ampia e diversificata, che va dagli investimenti reali (private debt e real estate) ai fondi attivi e passivi (ETF e Smart Beta), passando per le expertise meno correlate alle fasi negative dei mercati (volatilità e approccio value). Per quanto riguarda il private debt, prosegue il nostro supporto all’economia reale italiana con l’investimento in un’emissione obbligazionaria a 6 anni destinato alle aziende agroalimentari italiane a cui ne seguiranno altri a breve. Proseguiamo inoltre i nostri investimenti nel modello di advisory evoluta dedicato alle reti fondato su tre pilastri (asset allocation, portafogli modello e formazione su temi di finanza tradizionale e comportamentale), a testimonianza della nostra volontà di supportare i distributori nella trasformazione del proprio modello di servizio in favore della clientela”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, commodity al top in scia a guerra e contenimento delle emissioni

Amundi: un solido trimestre in scia agli afflussi negli asset a medio/lungo termine

Fondi, la corsa non si ferma. Amundi si prende il primato

NEWSLETTER
Iscriviti
X