Sono 2.343 i fondi positivi nell’ultimo mese

A
A
A
Avatar di Samuele Camellini 11 Dicembre 2008 | 17:00
Svetta SGAM FUND EQUITIES GOLD MINES (+20,82%). 19 fondi sopra il 10% netto, in 85 vanno oltre il 5% e 350 comparti superano la soglia del 3% di performance.

Buoni risultati per i fondi mobiliari aperti nel mese di novembre. Il 25,3% del totale ottiene una performance positiva in euro al netto delle imposte e delle commissioni di gestione.
 

SGAM FUND SICAV in testa grazie all’oro

Il comparto SGAM FUND EQUITIES GOLD MINES mette a segna una performance notevole in un mese particolarmente problematico per le borse mondiali.
In generale, è tutto il settore dei metalli preziosi a guidare il gruppo dei migliori. Si segnalano infatti anche BGF WORLD GOLD FUND (+13,48%), LOMBARD ODIER INVEST – THE WORLD GOLD EXPERTISE FUND (+12,03%) e DWS INVEST GOLD AND PRECIOUS METALS EQUITIES (+10,98%).
L’oro resta il bene rifugio per eccellenza nei periodi di crisi.

 


Buona diversificazione tra le varie tipologie d’investimento

Sono 103 le categorie Bluerating all’interno delle quali sono presenti fondi con performance positiva in euro nel mese di novembre, cioè ben più della metà delle 189 categorie riservate ai fondi mobiliari aperti.
Tra queste categorie, 39 sono azionarie, per un totale di 289 comparti.
Ci sono poi 113 fondi positivi nelle 7 categorie dei diversificati, che racchiudono fondi investiti in proporzioni diverse in azioni e obbligazioni. A questi si aggiungono 165 fondi a ritorno assoluto nelle categorie alta volatilità (35), media volatilità (113) e bassa volatilità (17).
59 fondi sono equamente suddivisi tra la categoria dei fondi a capitale garantito (33) e quella dei fondi a capitale protetto (26).
Anche i comparti specializzati sui derivati hanno fatto la loro parte. Sono 35 con il segno più, 19 specializzati su tassi e valute, 16 sulle materie prime.
Dei 196 comparti monetari, 157 sono esposti sull’euro e i restanti in dollari Usa.

 

Prevalgono gli obbligazionari, in particolare di area euro
Osservando sempre la numerosità, la parte del leone la fanno gli obbligazionari con 1.392 comparti in guadagno. Se a questi sommiamo i fondi a ritorno assoluto specializzati in obbligazioni, il totale sale a 1.506.
La categoria obbligazionaria con il numero maggiore di fondi positivi è quella degli Area Euro – Corporate e Governativi (133), seguita dagli Euro – Corporate (110) e dagli Area Euro – Governativi (81).
Guardando lo spaccato sulla nostra valuta, sorridono 401 comparti obbligazionari rientranti in 8 categorie di area euro. Oltre a questi, vanno sopra la soglia dello zero 138 fondi euro hedged di 5 categorie, 38 convertibili, 117 corporate di cui 7 high yield e 7 esposti sugli abs. Notiamo poi 80 comparti globali espressi nella nostra valuta e, per concludere, 89 fondi a ritorno assoluto obbligazionari, sempre in euro.
Tra le altre macro aree principali con esposizione prevalente in valute diverse da quella della nostra area, è giusto segnalare la presenza di 158 fondi compresi in 7 categorie bond Usa e, osservando i fondi internazionali, sono 309 i positivi, 105 di questi focalizzati sui mercati emergenti.
 

Parvest, Schroder e Morgan Stanley con oltre 80 comparti positivi
E’ PARVEST SICAV la società di gestione con la maggior numerosità di fondi in territorio positivo. Sono 88 i comparti dell’asset management controllata dal gruppo BNP-Paribas.
Visto che il conteggio ha considerato tutti i comparti multiclasse, è normale trovare al vertice di questa classifica i gestori con il maggior numero di emissioni, in prevalenza stranieri.
Per questo motivo, meritano una segnalazione le società di diritto italiano e, tra queste, nella top 25 troviamo ALETTI GESTIELLE SGR S.p.A. con 37 fondi, EURIZON CAPITAL SGR S.p.A. con 35 e MONTE PASCHI ASSET MANAGEMENT SGR S.p.A. con 27 comparti.

 

Per ogni approfondimento sulle logiche di classificazione e valutazione dei fondi, si consiglia la lettura della metodologia Bluerating.
Per tutti i confronti tra i prodotti si suggerisce l’utilizzo del Product Selector e del Confronta Fondi.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi comuni, in Italia massima spesa e minima resa

I migliori fondi, la classifica top 20 Italia

Fondi comuni, a sorpresa l’Europa raddoppia le masse del 2008

Fondi, la grande sfida dei costi

Assogestioni, patrimonio al top. Generali sempre al comando

Asset allocation, guadagnare giocando in difesa

BlackRock, utile giù ma crescono gli asset

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 16/07/2019

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 9/07/2019

Fondi comuni: vincitori e vinti di metà anno

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 6/06/2019

Franklin Templeton, Todeschini nuovo etf sales specialist

Gestori in vetrina – Schroders

Gestori in vetrina – State Street Global Advisors

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 7/05/2019

Gestori in vetrina – Natixis IM

Mirabaud, super utile per celebrare il bicentenario

Investimenti, Robeco: 4 temi di engagement sui quali puntare

Pramerica, passo avanti nella sostenibilità

Candriam, un 2018 nel segno della crescita

Bnp Paribas AM: tanti saluti al carbone

Allianz GI: Linker per l’Italia, D’Avenia vola negli States

Salone del Risparmio 2019, ecco i temi chiave di Assogestioni

Anima, un bilancio coi fiocchi

BFC Education, questa sera Marcialis parlerà di oneri dei prodotti del risparmio gestito

Esg e risparmio gestito si fondono al Salone del risparmio 2019

Castle Mount LP completa il quarto closing

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Franklin Templeton

ConsulenTia19, gestori in vetrina: La Financière de l’Echiquier

Fondi d’investimento, top e flop del 18/02/19

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Columbia Threadneedle Investments

Cari gestori, tagliate le fee

ConsulenTia19, gestori in vetrina: Schroders

NEWSLETTER
Iscriviti
X