Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

A
A
A

Il saldo delle partite correnti cinesi è stato positivo e stabile per anni, a dimostrazione del fatto che la Cina esibisce un avanzo commerciale,

Chiara Merico di Chiara Merico6 febbraio 2017 | 11:04

L’ESEMPIO DELLA CINA – “Il vigore del dollaro pesa su gran parte dell’economia mondiale e in particolare grava sui conti finanziari dei paesi la cui valuta è agganciata al biglietto verde. La situazione della Cina è un perfetto esempio di queste pressioni”, spiega Yves Longchamp, head of research di Ethenea Independent Investors (Schweiz) AG. Il conto finanziario è la parte della bilancia dei pagamenti che registra le transazioni finanziarie internazionali, mentre le partite correnti registrano i flussi internazionali di beni e servizi. Gli sviluppi della bilancia dei pagamenti cinese sono un perfetto esempio di queste pressioni. Il saldo delle partite correnti cinesi è stato positivo e stabile per anni, a dimostrazione del fatto che la Cina esibisce un avanzo commerciale, ossia effettua più esportazioni che importazioni malgrado il difficile contesto macroeconomico.

CALANO LE RISERVE VALUTARIE – Per contro, il conto finanziario è stato negativo negli ultimi anni, segnalando importanti deflussi di capitale che hanno causato un calo delle riserve valutarie legato a un rafforzamento del dollaro statunitense (USD) e/o a un indebolimento dello yuan cinese (CNY). Un rafforzamento del biglietto verde spinge i cittadini cinesi a convertire i risparmi in dollari, una valuta forte considerata sicura. Se i deflussi di capitale non sono arginati, l’assottigliamento delle riserve in valuta estera causa in ultima istanza forti correzioni valutarie, un rischio che potrebbe avere gravi ripercussioni sul sistema monetario globale. Se questo è il contesto, per quanto il nostro scenario di base resta relativamente positivo in quanto ci si aspetta un ritorno alla normalizzazione sebbene la crescita rallenterà gradualmente e l’inflazione salirà lievemente, i rischi rimangono tuttavia all’insegna del rallentamento. Occorre dunque monitorare con particolare attenzione possibili segnali di ulteriore rafforzamento del dollaro statunitense nonché il possibile aumento dei rendimenti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bnp e Deutsche Bank cavalcano il Dragone

Dazi, è guerra senza sosta

Cina, dazi per 75 miliardi sui prodotti USA. Borse in calo

Dazi, la Cina risponde svalutando lo yuan

Il Dragone si mangia gli Usa

Copa America dei mercati, il Cile è una squadra su cui puntare

Trump, accordo a breve con la Cina

Cina, la regina dei mercati emergenti

Borse in affanno, Trump rompe con la Cina

Le nuove prospettive del consumatore cinese secondo Bnp Paribas AM

Usa-Cina: tensione sul filo di lana

Cina, il Dragone ha il fiato corto

Investimenti, il Dragone ci vede lungo

Dazi, trattativa per la pace tra Usa e Cina

MSIM: il peso della Cina sulla crescita globale

Ubs non ha paura dello yuan

Tasso fisso sulle ali del Dragone

Record di guadagni per la donna più ricca di Cina

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Ti può anche interessare

Investimenti, la sensibilità all’inflazione

Vi presentiamo di seguito un commento a cura del Team Multi Asset di M&G Investments incentrato ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 24/05/2019

La rubrica del risparmio gestito. ...

Niche Am debutta con il fondo sull’Asia

Entro la fine del mese di gennaio la società di gestione londinese Niche Asset Management lancerà ...