Naumer (Allianz GI): Meglio le borse europee di quelle americane

A
A
A
Andrea Telara di Andrea Telara 7 Febbraio 2017 | 09:47
L’opinione del global head of capital markets & thematic research della casa di gestione tedesca che preferisce l’azionario del Vecchio Continente a quello degli Stati Uniti.

Di seguito l’outlook mensile di Hans-Jörg Naumer, global head of capital markets & thematic research di Allianz Global Investors.

Durante il nostro recente Investment Forum di Hong Kong, alcuni dei principali temi affrontati sono stati la “disruption” tecnologica (quando un’innovazione crea una rottura con il passato) e la situazione geopolitica

Entrambi dovrebbero continuare ad influenzare i mercati dei capitali ancora a lungo, come del resto è stato evidenziato anche dalle prime misure adottate dal nuovo Presidente degli Stati Uniti. Trump non solo ha messo in discussione l‘intera politica delle alleanze in Occidente, ma anche la globalizzazione, e con essa il meccanismo che, attraverso concorrenza e vantaggi comparativi, contribuisce a creare una situazione favorevole a tutti i partecipanti. E non solo per la Cina, altro importante punto all‘ordine del giorno: al nostro forum è stato infatti interessante discutere della progressiva apertura di Pechino anche per quanto riguarda i mercati dei capitali.

Dopo la fase di grande ottimismo in attesa degli interventi di politica fiscale di Trump, ora ci troviamo di fronte alla realtà. Nel frattempo la geopolitica rimane un tema più che mai attuale, considerando l’avvio della Brexit, le elezioni parlamentari nei Paesi Bassi in marzo e le presidenziali in Francia nel mese di aprile.

L‘unica costante in mezzo a tante variabili sembra essere la politica monetaria globale, che comunque non è immune da possibili variazioni. Le critiche che Donald Trump ha rivolto alla politica di Janet Yellen inducono a chiedersi se la curva dei tassi non potrebbe rivelarsi ancora più ripida del previsto. È pur vero che, se si vuole un dollaro statunitense più debole, non si può adottare una politica monetaria più restrittiva.

Nell‘Area Euro, il Presidente della BCE Mario Draghi è invece alle prese con l‘aumento dell‘inflazione, che rende sempre meno probabile una nuova proroga del programma di acquisto titoli nella sua forma attuale oltre dicembre 2017. In ogni caso, la linea delle principali Banche Centrali rimane espansiva, e non si prospetta una imminente conclusione dell’era dei tassi d‘interesse bassi o negativi.

La buona notizia è che nelle ultime settimane gli indicatori congiunturali hanno delineato un quadro sempre più favorevole in quasi tutte le principali aree geografiche.

Affinché la disruption si trasformi nella “distruzione creativa” di Schumpeter risulta fondamentale la gestione attiva: sia nella selezione dei titoli, per individuare i vincitori del cambiamento (tecnologico), sia nella scelta dei segmenti di mercato, per avvantaggiarsi della volatilità. Al di là di ogni disruption, la politica monetaria, l’andamento dell’economia e degli utili societari dovrebbero supportare le asset class più rischiose.

L’allocazione tattica, azioni e obbligazioni:

  • Le politiche espansive delle Banche Centrali dovrebbero fornire un sostegno strutturale alle azioni, anche se il momentum si sta indebolendo.
  • Le valutazioni dei diversi mercati azionari appaiono molto eterogenee. Quelle della borsa statunitense sono elevate, mentre in Europa sono neutrali o contenute; anche i listini di diversi Paesi emergenti possono essere considerati convenienti.
  • I mercati globali sono tuttora dominati dalle “tendenze reflazionistiche”. Il progressivo miglioramento congiunturale, gli stimoli fiscali attesi negli USA e l’inasprimento dei tassi da parte della Fed lasciano presagire un rialzo dei mercati azionari e una maggiore debolezza in ambito obbligazionario. A lungo termine, per diverse asset class prevediamo rendimenti inferiori alle medie di lungo periodo.
  • Alla luce della volatilità attesa, la gestione attiva degli investimenti risulta essenziale, sia a livello di titoli che di asset class.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Allianz GI, cambiamento ai vertici

Allianz GI Investment Forum: clima e guerra commerciale al centro

Allianz GI, un nuovo nome per la sostenibilità

Gestori in vetrina – Allianz GI

Un’esperta di Wealth Management alla guida di Allianz GI (EMEA)

Active is, così Allianz Gi punta ancora sulla gestione attiva

Private, si rafforza l’alleanza tra Mps e Allianz Gi

ConsulenTia 2018/Maxia (Allianz GI): “Contesto più difficile per il reddito fisso”

2018, dividendi da record in Europa

Allianz GI promuove Vigliotti

Allianz Capital Partners unisce le forze con Allianz GI

Dwane (Allianz GI): “Positivi sulle banche europee”

Naumer (AllianzGI): “La crescita dell’economia è ancora solida”

Allianz GI, nuovo ruolo per Battistini

Allianz GI: il voto austriaco rafforza l’ondata populista in Europa

Valzer di poltrone dentro Allianz Gi

Mifid 2, Allianz GI assorbirà i costi di ricerca esterna

Allianz GI: Bce, quale scenario per la riunione del 7?

L’Allianz Volatility Strategy è disponibile anche in classe retail

Quanti affari con l’intelligenza artificiale

Petersen (Allianz Gi): “Ancora qualche rischio politico sui mercati”

Allianz Global Investors, al via la partnership con State Street

Allianz GI: tre motivi per scegliere la gestione attiva

Allianz GI: rendimenti inferiori allo zero, una novità nella storia obbligazionaria

Utermann (Allianz GI): lunga vita alla gestione attiva!

Fondi, un cambio di casacca da Credit Suisse ad Allianz Global Investors

Allianz GI: nel 2013 la crescita rallenterà ancora

NEWSLETTER
Iscriviti
X