Fondi comuni – Scende l'inflazione in Europa

A
A
A
di Roberto Dotti 9 Gennaio 2009 | 15:00
In Europa l’inflazione nel mese di dicembre su base annua è scesa dal 2,1% di novembre al 1,6% di dicembre, aiutata dal forte ribasso del settore energetico.

L’analisi dei migliori e peggiori comparti inclusi nell’area azionari Europa vede il fondo Bright Oak Geo Europe Small Caps in vetta alla classifica nella settimana che va dal 30 dicembre al 7 gennaio con una performance positiva del +9,9%.
Il comparto, lanciato nell’ottobre 1999, ha registrato una performance YTD positiva 8,3% contro una performance a 3 anni del -16,2%.
Questo Comparto investe principalmente in strumenti finanziari di natura azionaria europei. Il Comparto è denominato in Euro.

Il Regno Unito ha annunciato il taglio dei tassi d’interesse di mezzo punto percentuale, portandoli dal 2% al 1,5%, pensando che insieme alla sterlina debole, tale azione rappresenti uno stimolo per l’economia. Tale mossa non ha avuto grande risonanza sui mercati, i quali aspettano la decisione della Bce del prossimo 15 gennaio.

L’annuncio del neo presidente eletto americano di un maxi piano di stimoli fiscali ha dato fiato alle borse che, sulla scia di Wall Street, hanno chiuso tutte in rialzo. In particolar modo in Italia le migliori sono state Unicredit e Mediobanca, in seguito alle ipotesi di aggregazione, e Fiat e Pirelli.

Nell’ultima settimana si sono verificate una serie di aste di titoli in alcuni paesi dell’Ue, tra cui Francia , Spagna, Germania e Austria, per un valore di 20 miliardi di euro. Gli analisti prevedono che tale ammontare sia destinato a salire dal momento che molti paesi useranno l’emissione di titoli di debito per finanziare i piani a sostegno dell’economia ed aiutare le banche. Nonostante ciò l’asta tedesca ha registrato domande inferiori all’offerta, tanto che il Financial Times ha rilevato che si tratto di un avvertimento per tutti i governi. Molti altri governi infatti sono stati costretti a cancellare le emissioni per mancanza di offerta. Oltre all’aumento dell’offerta c’è anche il calo dei tassi di interesse delle banche centrali che rende meno allettanti i titoli.

I MIGLIORI FONDI AZIONARI DAL 31/12 AL 08/01

Valuta fondo percentuale
EURO BRIGHT OAK GEO EUROPE SMALL CAPS 9,96%
EURO NEW MILLENNIUM NORDSUD PAN EUROPEAN EQUITY 9,89%
EURO EUROMOBILIARE IFS EUROPEAN EQUITY 9,64%
EURO INVESCO PAN EUROPEAN SMALL CAP EQUITY FUND 9,00%
EURO NORDEA 1 CENTRAL & EASTERN EUROPEAN EQUITY FUND 8,69%

I PEGGIORI FONDI AZIONARI DAL 31/12 AL 08/01

Valuta fondo percentuale
EURO DB PLATINUM IV CROCI EURO -17,54%
USD MS EUROPEAN EQUITY OPPORTUNITIES FUND -17,17%
EURO ING (L) INVEST EUROPE OPPORTUNITIES -15,69%
EURO DEXIA SUSTAINABLE EMU -12,49%
EURO CAF EURO SRI -12,06%

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi comuni – L'Europa non tira

Fondi comuni – Paura e speranza dall'Europa dell'Est

Prodotto del giorno, l'oasi dei bond governativi

NEWSLETTER
Iscriviti
X