I Fondi Pensione non si salvano dalla crisi

A
A
A
di Francesco Biraghi 15 Luglio 2008 | 13:30
I fondi pensione non sono immuni alla crisi dei mercati, infatti sulle 413 linee pensionistiche che hanno uno storico di almeno tre mesi, troviamo solo 53 linee con un rendimento positivo calcolato su base trimestrale al 30 giugno 2008, pari al 12,83% del totale.

Analizzando i rendimenti dall’inizio dell’anno i risultati non migliorano, nelle ultime dieci posizioni per performance YTD troviamo infatti esclusivamente fondi azionari, con all’ultimo posto Unicredit Linea Dinamica di Creditras Vita con il -18,28%.

Sono ben 76 le linee di fondi pensione che hanno perso più del 10% negli ultimi sei mesi, dato allarmante soprattutto considerano la finalità che questi tipi di strumenti si prefiggono. I fondi pensione aperti hanno infatti lo scopo di consentire di percepire una pensione complementare, sotto forma di rendita, che va ad aggiungersi alle prestazione del sistema pensionistico obbligatorio.

Nei primi posti in classifica troviamo invece prevalentemente comparti monetari e obbligazionari, con al primo posto Bay Domani Linea Garanzia promosso da Ergo Previdenza, con un rendimento positivo del 5,23% dall’inizio dell’anno.

Il secondo trimestre del 2008 è stato contraddistinto da una forte discesa dei listini azionari mondiali. I motivi che hanno portato a questa situazione sono molteplici e tra loro collegati. Da un lato vi è il continuo aumento delle materie prime, con il petrolio che ha toccato i 147 dollari al barile, spinto al rialzo dalle continue tensioni in Medio Oriente e dalla speculazione. Fattori che hanno portato all’aumento dell’inflazione, che a sua volta ha persuaso la BCE ad alzare di un quarto di punto i tassi di interesse della zona Euro, portandoli al 4,25%.

Dall’altra parte l’aggravarsi della crisi finanziaria con il fallimento della IndyMac Bank, una delle principali casse di risparmio degli Stati Uniti, con una elevata esposizione ai mutui subprime, il cui tracollo è stato causato dalla crisi di liquidità, favorita dalla fuga dei correntisti, a loro volta indotta dal venir meno della fiducia nell’istituzione creditizia.

Un’altra tegola che si è abbattuta sul sistema finanziario è stata il crollo in borsa di Fannie Mae e Freddie Mac. Le due società si occupano di finanziare e assicurare circa la metà dei mutui concessi negli Stati Uniti, e sono fondamentali per la tenuta del sistema. Il Tesoro americano e la Federal Reserve stanno cercando di porre un argine intervenendo con lo scopo di salvaguardare la solvibilità dei due istituti, e in qualche modo rassicurare la comunità finanziaria.

I MIGLIORI FONDI PENSIONE
Com. di gestione Fondo Perf. a 6 mesi
2,20% BAY DOMANI LINEA GARANZIA 5,23%
0,90% PARVEST PENSIONE LINEA SHORT TERM 1,66%
0,90% PARVEST PENSIONE HORIZON GARANZIA             
1,63%
1,00% BNL VITA SICUREZZA 1,62%
1,26% BNL VITA TARGET 2017 1,41%

Fonte: Bluerating.com, dati al 30/06/2008


I PEGGIORI FONDI PENSIONE
Com. di gestione Fondo Perf. a 6 mesi
1,60% UNICREDIT LINEA DINAMICA -18,28%
1,90% UNIONFONDO COMPARTO AZIONARIO -17,81%
0,80% INSIEME LINEA DINAMICA -17,22%
1,50% CATTOLICA GESTIONE PREV. AZIONARIO GLOBALE -16,91%
1,30% PARVEST PENSIONE LINEA HORIZON 30 -16,80%

Fonte: Bluerating.com, dati al 30/06/2008

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti