Polizze: Poste Vita modifica le index linked

A
A
A
di Matteo Chiamenti 21 Gennaio 2009 | 09:50
Prosegue la serie di misure a tutela degli investitori a seguito della crisi. E’ la volta di Poste Vita, che decide di modificare la struttura di due sue polizze index linked, rendendole un prodotto a scadenza prolungata e rischio minore.

La crisi dei mercati coinvolge anche uno dei settori normalmente meno soggetto ad andamento stocastico: le polizze vita. E’ notizia di oggi la volontà, da parte di Poste Vita (gruppo Poste Italiane), di modificare le caratteristiche delle proprie polizze ai fini di ridurre i rischi di circa 70 mila clienti. Secondo quanto appreso da Radiocor, la società  ha deciso di sostituire le polizze index linked Programma Dinamico Classe 3 A valore Reale e Ideale (che hanno visto ridurre in maniera significativa il proprio valore, passando da 100 a rispettivamente 55,83 e 38,93), in un prodotto Ramo I denominato Postafuturo Ad Hoc, con scadenza prolungata di oltre 3 anni al 31 dicembre 2015 e valore di rimborso pari al 105% del premio versato.

La modifica è conseguenza di un pesante processo di svalutazione avvenuto per i due prodotti in questione. La polizza index linked Programma Dinamico Classe 3 A valore reale,  ha registrato, alla data del 3 dicembre 2008, un valore di 66, rispetto all’originario valore di 100, con una riduzione del valore di riscatto superiore al trenta per cento rispetto all’ammontare dei premi investiti;  il 10 dicembre il valore della polizza è ulteriormente diminuito a 60,20 per raggiungere, in data 17 dicembre 2008, il valore di 53 e di 55,83 il 14 gennaio 2009. Stessa scenario per la polizza Ideale, che ha visto ridurre il valore a 53,01 il 10 dicembre, a 39,23 il 17 dicembre e a 38,93 il 14 gennaio 2009.

Ecco quanto Poste Vita comunica ai propri clienti: “Date le caratteristiche della polizza Programma Dinamico Ideale da lei sottoscritta, si sottolinea che il perdurare della crisi in atto potrebbe tradursi in un’ulteriore diminuzione del valore della stessa. La società ha finalizzato in questi giorni i dettagli tecnici relativi ad un’operazione di trasformazione della polizza in un prodotto di Ramo I, Postafuturo Ad Hoc, le cui prestazioni sono garantite da Poste Vita”.
In precedenza Poste Vita aveva modificato la struttura dei derivati creditizi emessi nel 2001-2002 come sottostante del prodotto Vita index linked Classe 3 Valore Reale della linea Programma Dinamico per abbassare il profilo di rischio per via della condizione di incertezza in cui versano i mercati finanziari. L’ennesima riprova di quanto la crisi abbia coinvolto a tutto tondo il mondo degli intermediari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, dopo la Brexit arriva il “Big Bang”

Consulenti, l’Italia non è un paese per polizze

Polizze, il superbonus può essere un problema

NEWSLETTER
Iscriviti
X