New York avanti adagio, in retromarcia T-bond, oro e petrolio

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Giugno 2013 | 14:26

Gli investitori soppesano le rassicurazioni di esponenti di punta della Fed con gli ultimi dati macro che sembrano alleviare i timori circa una nuova frenata economica


DATI MACRO E DICHIARAZIONI ESPONENTI FED CONFORTANTI – Si avvicina la prima ora di lavoro e a Wall Street gli investitori valutano gli ultimi dati macro (il deficit commerciale Usa è rimbalzato in aprile dai minimi di oltre tre anni a seguito di una ripresa delle importazioni di beni di consumo e macchinari e attrezzature industriali) e le rassicurazioni giunte ancora ieri da esponenti di vertice della Fed circa l’intenzione della banca centrale Usa di proseguire con gli acquisti di bond sul mercato fino a quando sarà necessario.

MA INVESTITORI RESTANO PRUDENTI – Così il Dow Jones segna +0,19%, l’S&P500 oscilla a +0,29%, il Nasdaq recupera lo 0,41%, mentre le small cap del Russell 2000 sono indicate attorno a +0,27%. Dal canto loro i T-bond vedono il rendimento del decennale risalire sul 2,15% (dal 2,13% di ieri) e quello del trentennale sul 3,31% (dal 3,26%). L’oro scivola a 1400,40 dollari l’oncia (10,93 dollari meno dell’ultima chiusura), l’argento torna a 22,42 dollari (27 centesimi di perdita) mentre il petrolio è indicato sui 93,04 dollari al barile (22 centesimi sotto il precedente fixing).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti