Spread di nuovo sotto i 300 punti, ma risale in chiusura a 303

A
A
A
di Redazione 5 Dicembre 2012 | 07:21

Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato decennali italiani e i Bund tedeschi è tornato brevemente a 297 punti dopo i 293 punti toccati lunedì (il minimo dallo scorso marzo), per poi risalire a…


DI NUOVO SOTTO QUOTA 300 PUNTI – Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato decennali italiani e i Bund tedeschi è sceso nella giornata di ieri sotto la soglia dei 300 punti base per la prima volta dal marzo scorso. Lo spread ha infatti aperto a 303 punti con rendimento al 4,43%, sui livelli della chiusura di lunedì quando il differenziale aveva toccato il minimo dallo scorso marzo a 293 punti. In seguito è brevemente tornato sotto quota 300 punti, attestandosi a 297 punti con un rendimento al 4,40%, per poi risalire fino a quota 303, livello a cui ha chiuso.

LE PAROLE DI MONTI – Il rendimento è al 4,41%. In lieve allargamento anche il differenziale calcolato sui Bonos spagnoli, che segna 387 punti per un tasso del 5,25%. Il premier Mario Monti ha auspicato nei giorni scorsi una rapida discesa dello spread a 287 punti base, la metà dei 574 punti raggiunti quando il governo si è insediato circa un anno fa.

FUMATA NERA DALL'ECOFIN – Intanto, ancora nessun accordo all'Ecofin sul meccanismo di vigilanza bancaria unica. Ieri alla riunione a Bruxelles, i 27 ministri delle Finanze dell'Unione Europea hanno scelto di provare ad appianare le divergenze con un nuovo vertice da tenersi presumibilmente il 12 dicembre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti