Buona chiusura dopo un avvio incerto

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Aprile 2016 | 16:50

Partita in lieve calo la borsa di Milano ha visto gli indici chiudere in recupero, grazie al ritorno di ordini d'acquisto sui finanziari e anche sui petroliferi. Tra i migliori Mps, mentre Unicredit e Stm tirano il fiato

MILANO PARTE INCERTA POI CHIUDE IN RIALZO – Piazza Affari apre la settimana con un segno positivo al termine di una giornata che ha visto il nervosismo iniziale, dovuto al fallimento del vertice di Doha tra Russia e Opec per congelare la produzione petrolifera, trasformarsi in ottimismo grazie alle ulteriori adesioni al fondo Atlante e alle rassicurazioni giunte da Washington da parte delle autorità italiane sul proseguo della riforma del settore del credito.

FINANZIARI ANCORA SOTTO I RIFLETTORI – Così a fine giornata il Ftse Mib segna +0,55%, al pari del Ftse Italia All-Share, mentre il Ftse Italia Star  recupera lo 0,53%. Tra i singoli titoli prosegue la corsa di Mps (+8,24%), con Anima Holding, Unipol e Saipem sopra il 5% di guadagno a fine giornata, soglia sfiorata anche da Ubi Banca (che investirà nel fondo Atlante fino a 200 milioni). Prese di profitto sono invece scattate su Unicredit (-3,43%), Stmicroelectronics e Telecom Italia, tra l’1,75% e l’1,68% di perdita a testa a fine giornata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Piazza Affari si tinge sempre più di green

Directa pronta a debuttare a Piazza Affari

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

NEWSLETTER
Iscriviti
X