Milano senza acuti, bene Stmicroelectronics mentre Saipem torna a cedere

A
A
A
di Luca Spoldi 15 Aprile 2016 | 16:40

Indici in moderato calo dall'inizio alla fine a Piazza Affari, dove però brilla Stmicroelectronics in vista di una possibile successione anticipata del Ceo Carlo Bozotti. Saipem torna a scendere in scia al greggio

SEDUTA OPACA A MILANO – Seduta dai toni dimessi a Milano, con indici che oscillano per l’intera giornata poco sotto i livelli di ieri, in attesa di vedere se il meeting di Doha tra la Russia e i paesi dell’Opec (Libia e Iran esclusi) porterà a un accordo per congelare la produzione o meno. Così il Ftse Mib cede lo 0,39%, il Ftse Italia All-Share segna -0,35% e il Ftse Italia Star viene fissato a -0,27%, mentre proseguono anche le reazioni al varo del fondo “salva banche” Atlante, da molti giudicato un passo positivo ma non risolutivo dei problemi che affliggono il comparto creditizio in Italia.

STM IN LUCE SU RUMOR, FRENA SAIPEM – Tra le blue chip tricolori si mettono in luce Stmicroelectronics (che starebbe cercando un erede per il Ceo Carlo Bozotti in vista di un cambio dei vertici prima della scadenza naturale, prevista nella primavera del prossimo anno), Banco Popolare, Ferrari, Mps e Ubi Banca. Perde invece quota, in scia al greggio, Saipem, che torna sui 35,34 centesimi a titolo. In calo di un paio di punti abbondanti anche Anima Holding, Exor e Bper.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: Piazza Affari resta una valida opportunità. Ecco perchè

Piazza Affari non è un posto per giovani: tra manager eterni e poco ricambio generazionale

Mercati: Piazza Affari si tinge sempre più di green

NEWSLETTER
Iscriviti
X