Le decisioni della Fed sui tassi mettono le ali alle borse europee

A
A
A
di Luca Spoldi 17 Dicembre 2015 | 12:17

La mossa della Fed piace agli investitori europei, perchè lascia spazio alla Bce per proseguire nella sua politica ultrarilassata a sostegno della ripresa. Così titoli come e.On, Axa o Volkswagen corrono


LE BORSE EUROPEE FESTEGGIANO – Mattinata trascorsa all’insegna se non dell’euforia della soddisfazione per lo “scampato pericolo” di un rialzo dei tassi Usa più deciso e rapido delle attese che non si è poi materializzato, anzi. Così se Londra festeggia la fine dell’era del “denaro a costo zero” in America con un rialzo dello 0,39% e la convinzione da parte dei trader che in Inghilterra i tassi non si rialzeranno fino almeno al 2017, Parigi segna +2,29%, Francoforte +3,06%, Madrid +2,77% e Milano +2,14%.

RINVIATO NEL TEMPO IL RIALZO DEI TASSI IN EUROPA – La mossa della Federal Reserve evita infatti di aprire un solco troppo profondo con la Bce che dunque potrà continuare con la sua politica monetaria ultraespansiva ancora per diversi trimestri. Così l’Eurostoxx50 sfiora il 3% di rialzo con tutti i 50 componenti in allungo. Se il rialzo più timido è di Nokia (+1%), quelli più consistenti spettano a titoli sensibili ai tassi come e.On (5,5%) ma anche a finanziari come Axa (+4,5%) e Banco Santander (+4%) piuttosto che a titoli ciclici come Volkswagen (+4,24%), Daimler (+4,32%) e Bmw (+3,99%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X