Cosa sono le obbligazioni subordinate

A
A
A
di Gianluca Baldini 5 Dicembre 2016 | 09:38

Le obbligazioni subordinate sono un particolare tipo di investimento le cui cedole, in caso di fallimento o di problemi della società, dipendono dalla soddisfazione degli altri creditori.
Dipendono quindi dagli investitori che non sono subordinati.

In termini di rendimento e di rischio, le obbligazioni subordinate si pongono in una posizione intermedia tra le obbligazioni tradizionali e i titoli azionari.
Le obbligazioni subordinate sono quei titoli che, in caso di inadempienza di pagamento da parte della società emittente, verranno rimborsate per ultime, dopo che saranno soddisfatti gli obbligazionisti ordinari o senior.

Un rischio che per alcuni investitori è forse molto alto e che non deve essere corso nel caso in cui non si conoscessero bene le caratteristiche del rimborso.

Chi decide di investire in obbligazioni subordinate è sottoposto ad un livello di rischio superiore rispetto a chi investe in obbligazioni ordinarie. Ma a maggior rischio corrisponde una maggior possibilità di guadagno.

Le obbligazioni subordinate infatti, sono caratterizzate da una maggiore redditività, rappresentata da un tasso di interesse maggiorato o da un rendimento più alto rispetto alle obbligazioni ordinarie della stessa durata.  Ma un rendimento maggiore è strettamente legato alla possibilità di perdere tutto o gran parte del nostro investimento.

In caso di fallimento o di liquidazione dell’azienda le obbligazioni subordinate vengono risarcite per ultime. Per primi sono rimborsati i titolari di obbligazioni ordinarie, e successivamente, ammesso che la società non abbia esaurito la liquidità, sono risarciti i titolari di obbligazioni subordinate.
La possibilità che le azioni non vengano rimborsate è piuttosto alta, soprattutto se il creditore non ha più soldi per ripagare le cedole.

Il tasso di rischio è legato anche alla qualità della società emittente; è ovvio che se la società rappresenta una realtà economica piccola o di recente debutto nel settore obbligazionario, le obbligazioni subordinate saranno più rischiose, e di conseguenza anche più remunerative.

Quindi prima di comprare delle obbligazioni subordinate vi consigliamo di conoscere attentamente la società nella quale si sta investendo e in che modo opera. Scoprite soprattutto quel è il sentiment degli investitori verso quella società e fate in modo di capire quali sono le reali possibilità che essa fallisca.

Le principali emittenti di questo tipo di obbligazioni sono le banche, queste infatti ricorrono spesso a tali titoli perché rientrano nel computo del patrimonio supplementare delle banche, consentendo così di accrescere il patrimonio di vigilanza senza ricorrere ad aumenti di capitale.

FONTE: www.forexinfo.it

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Obbligazioni: nuove emissioni sotto il segno del green

Etf, da Invesco un prodotto sui corporate bond Esg

Fondi, da Gam una nuova strategia obbligazionaria

NEWSLETTER
Iscriviti
X