S&P’s taglia il rating del Brasile a “spazzatura”, a Milano torna la prudenza

A
A
A
di Luca Spoldi 11 Settembre 2015 | 08:17

Telecom Italia torna a perdere terreno, colpita dalla notizia del taglio del rating sovrano brasiliano da parte di Standard & Poor's. Brillanti i petroliferi, per Saipem nuove commesse

MILANO PRUDENTE, PESA TAGLIO RATING BRASILE – Dopo lo stop di ieri e nonostante la chiusura positiva della seduta di Wall Street, Piazza Affari parte in modo prudente, con indici che dopo aver oscillato per i primi minuti attorno allo 0,3% di guadagno si sono già portati di circa altrettanto sotto la chiusura precedente. A pesare è il declassamento del rating sovrano del Brasile a “BB+” da “BBB-”, ossia “spazzatura”, da parte di Standard & Poor’s dopo solo 6 settimane dalla riduzione dell’outlook sul rating stesso.

TELECOM ITALIA IN CRISI, BENE I PETROLIFERI – La notizia colpisce in particolare il titolo Telecom Italia, già ieri negativo ed oggi in calo di oltre il 2,2% dopo i primi scambi. La notizia giunta ieri di nuove commesse in Caucaso e Medio Oriente per Saipem fa bene al titolo ma anche alla controllante Eni e a Tenaris, che per ora ignorano il nuovo calo dell’olio, nuovamente poco sopra i 45 dollari al barile (poco sopra i 48 dollari al barile nel caso del Brent del Mare del Nord).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

Scudetto a rischio e coppe incerte: la Juve sale, frena la Lazio in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X