Cessione Pioneer: fatto l’accordo tra Unicredit e Amundi. Ecco cosa contiene

A
A
A
di Ettore Mieli 12 Dicembre 2016 | 13:08

CONQUISTA DEFINITIVA- Come era ormai nell’aria da tempo, Amundi ce l’ha fatta. La società francese ha annunciato di aver aver siglato un accordo vincolante con UniCredit, finalizzato all’acquisizione di Pioneer Investments, per un importo in contanti pari a 3,545 miliardi di euro. L’intesa si basa anche su un accordo per la distribuzione dei prodotti di Pioneer attraverso la rete di UniCredit per i prossimi 10 anni. Il gruppo che nascerà dall’acquisizione sarà leader in Francia, fra le prime 3 Sgr in Italia e in Austria e avrà un importante posizionamento in Germania. L’Italia diventerà il secondo mercato domestico di Amundi, con masse in gestione pari a 160 miliardi di euro e Milano diventerà uno degli hub di investimento del Gruppo. L’organico a Milano, secondo un comunicato della società. è destinato a crescere in misura significativa.

SINERGIE OPERATIVE – L’operazione dovrebbe produrre su base annuale delle sinergie ante imposte per circa 180 milioni di euro, a pieno regime entro 3 anni: circa 150 milioni di euro saranno rappresentati da sinergie di costi e dovrebbero essere realizzate grazie all’unificazione delle piattaforme di investimento, all’ottimizzazione dei servizi It e alla razionalizzazione dei costi amministrativi e di back-office; 30 milioni di euro in sinergie nei ricavi sono attesi dal potenziale cross selling e da altre forme di ottimizzazione dei ricavi (brokeraggio). L’operazione sarà finanziata da capitale disponibile per circa 1,5 miliardi di euro, da un aumento di capitale di circa 1,4 miliardi di euro (attraverso l’emissione di diritti di opzione) e 0,6 miliardi di euro di debito senior e subordinato. L’aumento di capitale sarà lanciato nel primo semestre 2017 e sarà sottoscritto dal Gruppo Crédit Agricole che sosterrà l’offerta e conserverà una quota pro forma minima del 66,7%.

UN PASSO IN AVANTI – Yves Perrier, chief executive officer di Amundi, ha dichiarato: “L’acquisizione di Pioneer Investments è un importante passo in avanti per consolidare la posizione di Amundi quale leader europeo dell’asset management. Questa acquisizione rafforzerà il modello industriale di Amundi e porterà benefici ai nostri clienti, generando al tempo stesso valore significativo per i nostri azionisti”. Xavier Musca, presidente del consiglio di amministrazione di Amundi, ha affermato: “Questa operazione è perfettamente in linea con la strategia di acquisizione selettiva annunciata al momento dell’ipo: Pioneer Investments rafforzerà l’expertise di prodotto di Amundi, amplierà i suoi canali e reti di distribuzione e genererà sinergie significative. L’operazione conferma il posizionamento evidente di Amundi quale leader europeo dell’asset management, per dimensioni e redditività”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, commodity al top in scia a guerra e contenimento delle emissioni

Amundi: un solido trimestre in scia agli afflussi negli asset a medio/lungo termine

Fondi, la corsa non si ferma. Amundi si prende il primato

NEWSLETTER
Iscriviti
X