Giovedì nero a Piazza Affari: Ftse Mib -2,59%

A
A
A
di Redazione 21 Agosto 2015 | 06:10

Il listino milanese, che viaggiava già in negativo, ha aumentato le perdite dopo l'avvio negativo di Wall Street

Dopo l'avvio negativo di Wall Street e in scia agli ultimi sviluppi in Grecia, Piazza Affari ha accelerato al ribasso e ha chiuso la seduta in territorio negativo perdendo il 2,59% a 22.378 punti.

LUSSO IN NEGATIVO – Turbolenze che si sono avvertite su tutti i mercati internazionali, sulle valute emergenti e sulle materie prime. Non si è arrestato il copioso flusso di vendite sui titoli del comparto del lusso, che nei giorni scorsi ha dimostrato di essere il più sensibile alle turbolenze in arrivo dalla Cina: Salvatore Ferragamo ha ceduto il 3,33% a 26,10 euro, Luxottica il 3,53% a 61,45 euro, Moncler il 4% a 16,30 euro.

MALE ANCHE LE BANCHE – Male anche le banche, che ieri avevano retto l'urto ribassista: Montepaschi ha perso il 2,84% a 1,878 euro, Intesa SanPaolo il 3,58% a 3,28 euro, Ubi Banca il 2,43% a 7,21 euro, Unicredit il 2,74% a 6,015 euro. Pesante Buzzi Unicem (-3,81% a 15,65 euro) in scia alle rinnovate preoccupazioni sull'economia russa fortemente penalizzata dalla continua discesa del petrolio.

SOFFRE ANCHE L’ENERGIA – In rosso i due colossi pubblici dell'energia: Eni ha lasciato sul parterre l'1,67% a 14,68 euro, mentre Enel è arretrata del 2,45% a 4,058 euro. Ansaldo STS (++0,52% a 9,50 euro) si è salvata dalle vendite a Piazza Affari dopo il via libera dell'Antitrust cinese alla cessione della società genovese alla giapponese Hitachi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X