Milano apre debole, chiude in netto calo

A
A
A
di Luca Spoldi 27 Luglio 2015 | 15:54

I pochi segnali positivi visti in mattinata a Piazza Affari svaniscono del tutto nel pomeriggio e in chiusura ai crolli di Fiat Chrysler Automobiles e Azimut non si contrappone neppure un rialzo tra le blue chip italiane

PARTITA MALE, CHIUSA PEGGIO – Milano ancora sotto il segno delle prese di profitto, con indici che partono in calo di un punto per finire sfiorando il -3%. Il Ftse Mib ha chiuso infatti a -2,97%, il Ftse Italia All-Share a -2,87%, mentre il Ftse Italia Star ha segnato -2,22%. A influire negativamente sull’umore degli operatori sono da una parte il nuovo “tonfo” dei listini cinesi, dall’altra alcune trimestrali poco esaltanti o specifiche notizie che coinvolgono le blue chip del listino tricolore.

FCA PAGA MAXI MULTA NEGLI USA – Tra le principali capitalizzazioni si nota ad esempio il ruzzolone di Fiat Chrysler Automobiles (-6,8%), che dovrà pagare 70 milioni di dollari negli Usa in seguito ad un accordo raggiunto con la National Highway Traffic Safety Administration relativo ad alcuni obblighi previsti dalla legge statunitense a cui Fca non avrebbe adempiuto tempestivamente in tre campagne di richiamo. Fca dovrà inoltre spendere altri 20 milioni in azioni migliorative a beneficio del settore e dei consumatori e rischia un ulteriore sanzione di 15 milioni di dollari se non osservasse alcune disposizioni contenute nell’accordo.

AZIMUT INDIETRO TUTTA – Pesante anche la giornata di Azimut, che termina a -6,5% alla vigilia della pubblicazione delle trimestrali del comparto (la società ha peraltro già pubblicato la propria la scorsa settimana). Cali attorno o sopra il 4,5% anche per Mediolanum, Mediaset e Moncler. Nessuna blue chip italiana stasera può vantare un risultato positivo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: Piazza Affari si tinge sempre più di green

Directa pronta a debuttare a Piazza Affari

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

NEWSLETTER
Iscriviti
X