Milano chiude in equilibrio una seduta altalenante

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Luglio 2015 | 15:52

Giornata altalenante a Milano, con gli investitori che dividono la loro attenzione tra trimestrali e crisi greca. Alla fine gli indici restano in equilibrio, tra i titoli brilla Buzzi Unicem, "tonfo" di Stmicroelectronics

MILANO PROSEGUE STORNO – Milano vive una seduta altalenante, con indici che aprono in moderato calo per poi riportarsi in positivo, chiudendo poi appena sotto i livelli delle vigilia mentre l’attenzione degli investitori si divide tra le trimestrali (deludenti quelle dell’industria high-tech Usa) e la Grecia (che deve oggi votare un secondo pacchetto di riforme). Alla fine l’indice Ftse Mib cede lo 0,13%, mentre il Ftse Italia All-Share termina a -0,04% e il Ftse Italia Star guadagna lo 0,18%,

STM E SAIPEM CONVINCONO DI MENO GLI ANALISTI – Tra le blue chip tricolori rimbalza nuovamente Buzzi Unicem, che come Moncler e Bper chiude la giornata in salita di oltre 2 punti percentuali. Bene anche Prysmian e Mediobanca, che sfiorano il +2% a fine giornata, mentre Stmicroelectronics paga caro (-6,4%) il taglio del giudizio di Citigroup alla vigilia della trimestrale e i “tonfi” degli high-tech a stelle e strisce. Il calo del greggio sotto i 50 euro e alcuni giudizi negativi dei broker pesano su Saipem, che come Tenaris perde oltre il 3%, mentre Eni chiude a sua volta in rosso di oltre un punto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

Scudetto a rischio e coppe incerte: la Juve sale, frena la Lazio in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X