Draghi (Bce) eroga altri 900 milioni di liquidità a banche greche

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Luglio 2015 | 15:28

Con un leggero anticipo rispetto al voto del parlamento di Atene sul secondo pacchetto di riforme richieste dai creditori internazionali, la Bce di Mario Draghi inietta altri 900 milioni di euro di liquidità nelle casse delle banche greche

La Bce guidata da Mario Draghi aumenta di ulteriori 900 milioni di euro il tetto del programma Ela che fornisce liquidità d’emergenza alle banche elleniche al termine di una conference call, secondo quanto riferiscono le agenzie stampa, sottolineando come la mossa giunga mentre si attende l’esito del secondo voto del parlamento greco che deve varare ulteriori misure di austerità richieste dai creditori internazionali.

OLTRE 90 MILIARDI EROGATI SINORA – La scorsa settimana Draghi aveva convinto i colleghi a erogare una prima tranche di 900 milioni di euro alzando a 89,5 miliardi il tetto dell’Ela (che dunque dovrebbe essere ora giunto a circa 90,4 miliardi), mossa che secondo alcuni commentatori era stata decisa dallo stesso ex governatore di Banca d’Italia “forzando” la decisione del board della Bce, consentendo lunedì la riapertura delle banche greche dopo 3 settimane di chiusura forzata, pur con la persistenza di controlli sui prelievi e movimenti dei capitali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Via libera a 10,3 miliardi di euro di aiuti dall’Eurogruppo

Un’intesa tra Atene e i creditori sembra possibile

Per le banche di Atene è l’ora dei concambi bond-azioni

NEWSLETTER
Iscriviti
X