Istat: il mattone in Italia continua a perdere terreno

A
A
A
di Luca Spoldi 2 Luglio 2015 | 11:23

Prezzi in calo anche nei primi tre mesi dell'anno per le abitazioni sia nuove sia già esistenti. Lo segnala l'Istat notando che è il quindicesimo trimestre consecutivo in calo. Dal 2010 i prezzi sono scesi del 13,7%

La ripresa del mercato immobiliare non si manifesta ancora in Italia: secondo quanto riferisce l’Istat, anche nel primo trimestre 2015, sulla base delle stime preliminari, l’indice dei prezzi delle abitazioni (Ipab) acquistate dalle famiglie sia per fini abitativi sia per investimento è continuato a calare, precisamente dello 0,7% rispetto al trimestre precedente e del 3,4% nei confronti dello stesso periodo del 2014.

IN CINQUE ANNI I PREZZI SONO CALATI DEL 13,7% – Si tratta del quattordicesimo calo congiunturale consecutivo, per la prima volta risultato di una diminuzione dei prezzi delle abitazioni nuove (-1,0%) più ampia di quella delle abitazioni esistenti (-0,5%). Con le stime preliminari del primo trimestre 2015 la diminuzione dei prezzi delle abitazioni rispetto al 2010 raggiunge il -13,7%. Alla riduzione concorrono sia le abitazioni esistenti, i cui prezzi, nello stesso periodo, sono scesi del 18,6%, sia le nuove per le quali si registra una variazione negativa dell’1,5%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ripresa in Europa e Usa, un quarto trimestre da dimenticare

Dalla riunione della Bce ai dati sulla produzione industriale, l’agenda della settimana

Vaccini, il “Jurassic Park” dei mercati

NEWSLETTER
Iscriviti
X