Costa caro a 5 grandi banche aver tentato di manipolare cambi e tassi

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Maggio 2015 | 14:54

Citigroup, Jp Morgan Chase, Barclays, Rbs e Ubs raggiungono un accordo con le autorità Usa per chiudere le inchieste sui tentativi di manipolazione di cambi e tassi. La multa ammonta in tutto a vari miliardi

GLI USA MULTANO 5 BANCHE PER 5,8 MILIARDI – Costa caro il tentativo di manipolazione dei cambi a sei grandi banche mondiali: Citicorp, Jp Morgan Chase, Barclays e Royal Bank of Scotland hanno accettato di dichiararsi colpevoli delle accuse e pagare, insieme a Ubs, che si è dichiarata colpevole delle accusa in relazione alla manipolazione di tassi d’interessi collaborando per prima e garantendosi l’immunità nell’inchiesta sui cambi, una maxi multa di 5,8 miliardi di dollari in tutto (Citigroup pagherà 925 milioni di dollari, Barclays 650 milioni, Jp Morgan Chase 550 milioni, Royal Bank of Scotland Group 395 milioni e Ubs203 milioni).

ANCHE LA FED PRESENTA IL CONTO – Tenuto conto di precedenti accordi le cinque banche coinvolte chiudono ogni ulteriore indagine in merito alla vicenda dopo aver pagato in tutto circa 9 miliardi di dollari, ha ricordato in una nota il Department of Justice americano. Separatamente la Federal Reserve ha imposto altri 1,6 miliardi di dollari di multa alle stesse banche per “pratiche insicure e deboli” che hanno impedito l’accadere degli episodi contestati. Da notare che la Federal Reserve ha multato anche Bank of America per 205 milioni di dollari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, decisa crescita semestrale per il nascente colosso svizzero Efg

Banche, Aidexa sigla una partnership con Prestatech

Banca Generali, una formazione da record per il private

NEWSLETTER
Iscriviti
X