Il mal di Grecia fa cadere Milano

A
A
A
di Luca Spoldi 16 Aprile 2015 | 16:52

Cnh Industrial, brillante al mattino, termine in calo ma peggio va a Saipem che da un massimo di 12,74 euro chiude, in calo, a 11,78 euro. Male anche Azimut e le banche, a partire da Bpm e Banco Popolare


MILANO CHIUDE POCO SOPRA I MINIMI  – Un’apertura poco sotto i livelli di ieri di Wall Street non basta ai mercati europei, preoccupati per l’accavallarsi di ipotesi poco confortanti sull’esito dei colloqui tra Grecia e “troika”, per recuperare terreno e Milano non fa eccezione, pur evitando i minimi della giornata grazie a qualche debole acquisto sul finale. Complici i cali dei titoli finanziari, il Ftse Mib chiude a -1,75%, il Ftse Italia All-Share a -1,74% e il Ftse Italia Star è fissato a -1,27%.

YOOX RIPARTE, SAIPEM INVERTE LA ROTTA – Tra le blue chip si esaurisce nell’arco della mattinata la corsa sia di Cnh Industrial sia di Saipem, mentre torna a farsi vedere Yoox, che termina poco sotto il 3% di guadagno. Il calo del petrolio suggerisce robuste prese di profitto su Saipem che così chiude in rosso del 3,99% a 11,78 euro dopo un massimo intraday di 12,74 euro. Negativa anche Azimut, Buzzi Unicem, Bpm e Banco Popolare, tutti in rosso ben oltre il 3%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X