Meccanica, 10 titoli sotto la lente degli analisti

A
A
A
di Redazione 13 Aprile 2015 | 07:16

Il settore meccanico ha registrato da inizio anno sui listini europei un rialzo del 23% in euro e del 12% in dollari. Ecco quali comprare

Se si escludono i titoli legati al petrolio, scrive Milanofinanza.it, il settore meccanico ha registrato da inizio anno sui listini europei un rialzo del 23% in euro e del 12% in dollari. Solo il comparto dell’auto ha fatto meglio. Ecco, secondo gli analisti di Barclays, chi comprare e chi vendere, in funzione dei margini potenziali di rialzo.

1. Assa Abloy
Il target price del gruppo svedese è 430 corone (-19%) con rating neutrale (equalweight). Apprezzabili sono le caratteristiche difensive degli utili, gli elevati ritorni e il valore creato con operazioni di m&a, ma il titolo ha raggiunto livelli di valutazione storici troppo elevati e riflettono già le ipotesi di forte ripresa nel mercato non residenziale Usa. Basso il rendimento della cedola, intorno all’1,2% nel 2015 e 2016.

2. Atlas Copco
Rating positivo (overweight) con prezzo obiettivo 300 corone (+4,4%) per la società svedese che ha profitti poco ciclici, un maggiore contenuto aftermarket e la capacità di generare una notevole liquidità. Per questi motivi merita di essere scambiata a premio rispetto ai concorrenti. Il titolo viene scambiato 20,9 volte l’utile per azione 2015 e 18,4 quello del prossimo esercizio. Il dividend yield è rispettivamente 2,3 e 2,4%.

3. Gea group
Giudizio positivo (overweight) per la compagnia tedesca. Il programma recentemente annunciato di taglio dei costi porterà a un incremento dei margini di 240 punti base, facendo salire il margine reddituale al 13,7% nel 2017. Il management intende spendere fino a 1,6 miliardi di euro in acquisizioni nei prossimi 3-5 anni. Il p/e scende da 21 nel 2015 e 18,2 nel 2016, a fronte di un eps rispettivamente di 2,17 e 2,51 euro.

4. Kone
Al gruppo finlandese leggermente superiore al valore d’impresa di 20,8, è stato assegnato il rating negativo (underweight) con prezzo obiettivo 32 euro (-25%) perché è vulnerabile al peggioramento dei fondamentali del mercato cinese (prime installazioni), visto che nel paese della Grande Muraglia realizza il 30% del fatturato. Nel settore è quello che ha avuto il secondo maggiore re-rating dal 2007 e alle quotazioni attuali è troppo caro.

5. Alfa Laval
Rating underweight (sottopesare) per la compagnia svedese.Si tratta secondo gli analisti di un franchise di alta qualità con una forte posizione di mercato e un'attraente esposizione a lungo termine, ma nel breve risentirà del ciclo negativo. Il titolo inferiore al valore d’impresa di 9,7, tratta 17,7 volte l’eps 2015 e 19 quello del 2016, stimati rispettivamente 9,68 e 9,01 corone. Il dividend yield è 2,5% quest’anno e 2,6% nel prossimo.

6. Metso
Giudizio negativo (underweight) sulla mid cap finlandese, sopravvalutata visto che difficilmente riuscirà a raggiungere, come si è prefissata, margini superiori al 15% entro il 2017. Il target price di 22 euro è del 20% inferiore alle quotazioni attuali (27,56). Il p/e del titolo è 15,8 nel 2015 e 18 nel 2016, a fronte di un eps pari rispettivamente a 1,74 e 1,53 euro. Attraente il rendimento della cedola, che è stimato 4,2% quest’anno e 4,5% nel prossimo.

7. Sandvik
Il gruppo svedese (12,7 miliardi di euro di capitalizzazione contro un valore d’impresa di 16,7) ha un dividend yield del 3,7% nell’esercizio 2015 e del 3,9% nel 2016. Il rating è neutrale (equalweight) con price target price 90 corone, del 6% inferiore ai livelli attuali. L’esposizione al settore minerario è scontata nelle quotazioni recenti, ma non a sufficienza, esponendolo al rischio di ulteriori ribassi.

8. Weir
La società inglese merita il rating neutrale con target 1.700 pence (-4%) a causa della bassa visibilità della divisione O&G sulla scia del forte calo del prezzo del petrolio. Alle quotazioni attuali è in linea con i multipli storici. Il titolo tratta 15,8 volte l’eps 2015 e 13,9 quello del 2016, stimati rispettivamente 112,5 e 127,8 pence. Il dividend yield è 2,5% quest’anno e 2,6% nel prossimo.

9. Sulzer
Giudizio neutrale per la small cap elvetica con target price 105 franchi contro una quotazione attuale di 108 (-3%). Il motivo principale del rating è la valutazione coerente con le prospettive e la mancanza di elementi che possono trainare al rialzo la quotazione. Il p/e del titolo è 19 nel 2015 e 20 nel 2016, a fronte di un eps rispettivamente di 5,65 e 5,40 franchi. Il rendimento della cedola è stimato 3,2% quest’anno e nel prossimo.

10. Skf
Il gruppo svedese ha un dividend yield stimato del 2,5% negli esercizi 2015 e 2016, mentre il p/e è rispettivamente 15,5 e 14,3. Il rating è equalweight con target price 200 corone contro una quotazione recente di 228,30 (-12%). Le chance di rialzo sono infatti limitate, visto che secondo gli analisti servirebbe una maggiore visibilità sulla ripresa nel settore industriale dell’aftermarket (ricambi) per dare impulso alla performance.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X