Usa: da Rim a Suzuki, i 10 brand che spariranno nel 2013

A
A
A
di Daniel Settembre 22 Novembre 2012 | 16:06

Il sito 247wallst.com ha stilato una particolare classifica di alcune società che probabilmente vedremo scomparire il prossimo anno. Nella top ten ci sono anche delle grosse sorprese
 

I DIECI BRAND – Secondo il sito 247wallst.com che ha stilato una sua personale classifica, alcune società potrebbero non vedere la luce l’anno prossimo. Tra queste, alcune conosciute solo in Usa, altre di fama internazionel come Research In Motion, il produttore del BlakBerry, e Suzuki. Ecco gli altri brand a rischio nel 2013.

American airlines
Secondo 247wallst.com American Airlines non uscirà dal fallimento chiesto l’anno scorso, il chapter 11 americano. La casa madre Amr ha detto che il termine è previsto a febbraio 2013. Per l’anno prossimo potrebbe prospettarsi un’ipotesi di fusione con Us ariways.

Battered Talbots
Il rivenditore Battered Talbots dovrebbe essere comprata da Sycamore per poco più di 2,75 dollari per azione, circa 190 milioni in totale. Tra i tanti rivenditori di moda danneggiati dalla recessione, Talbots è tra quelli che ha subito maggiormente le conseguenze della crisi. Mentre le sue azioni scambiate per quasi 26 dollari cinque anni fa, che ora passa di mano per 2,50 euro.

Current Tv
Current Tv è in vendita, secondo quanto rivela il New York Post, secondo cui il canale televisivo dell’ex vicepresidente Al Gore starebbe incontrando alcune banche d’investimento e dovrebbe ancora avviare un processo di vendita formale. Il canale è stato fondato nel 2005, dopo che Al Gore cominciò la sua crociata contro il riscaldamento globale, ma la televisione ha faticato a ritagliarsi un pubblico e uno spazio ben delineato. Il canale era nato per puntare sui giovani, prima di indirizzarsi verso notizie e documentari e poi trasformarsi in un’emittente tendente a sinistra. I proprietari di Current sono Gore, Hyatt e alcuni banchieri.

Research In Motion
Rim è da tempo in crisi. I suoi prodotti sono stati utilizzati in gran parte di BlackBerry da parte delle imprese, ma ora soffre enormemente la grande concorrenza nel settore degli smartphone. Rim era in ritardo nel mercato consumer, dove domina Apple, Google Android e altri produttori come Htc, Samsung e Motorola.

Pacific Sunwear
Pacific Sunwear ha costruito la sua reputazione offrendo accessori "California-style", soprattutto occhiali da sole, scarpe e costumi da bagno. Cinque anni fa, le azioni della società scambiavano a 23 dollari, mentre ora viaggia in Borsa a 1,50 dollari. Nel suo trimestre più recente riferito, Pacific Sunwear ha perso 15 milioni dollari su un fatturato di 174 milioni. Il rivenditore potrebbe ora essere acquistato da una società più grande – la sua capitalizzazione di mercato è solo 108 milioni dollari.

American Suzuki Motor
Suzuki ha venduto 10.695 auto e veicoli commerciali leggeri nei primi cinque mesi di quest'anno: un calo del 3,9% rispetto allo stesso periodo nel 2011. La quota di mercato statunitense è di appena 0,2%. Tra i motivi della crisi la scarsa reputazione delle sue vetture, per caratteristiche e accessori inferiori a quelli di tutti gli altri marchi.  Un segno Suzuki sta avendo difficoltà a vendere i propri veicoli è che offre attualmente un pacchetti fi finanzimenti a tasso zero per 72 mesi.

Salon.com
Lanciato nel 1995, Salon.com, sito di commenti sul web, negli ultimi anni, è stata surclassata da altri player più grandi e meglio finanziati. Alcuni di questi, come The Blaze, che è di proprietà di Glenn Beck, sono ben finanziate. Salon è molto vicino ad essere chiusa anche perché, ha perso il suo ceo e cfo di recente. Nel corso del trimestre stesso, Salon ha perso 997mila dollari su un fatturato di 1,03 milioni dollari.

Oakland Raiders
I Raiders giocheranno la Nfl il prossimo anno, ma non a Oakland. Il gruppo, fondato nel 1960 e che ha vinto il Super Bowl nel 1976, 1980 e 1983 partirà da Oakland a causa di nuovo nei piani finanziari dei nuovi proprietari. Al Davis aveva il controllo proprietà della squadra dal 1960 fino alla sua morte l'anno scorso. I suoi eredi e diversi piccoli azionisti ora controllano la squadra. Attuale team di gestione proprietario Mike Davis ha già detto che vorrebbe spostare i Raiders a Los Angeles per ottenere un accordo per uno stadio migliore. L'attuale stadio di Oakland contratto scade il prossimo anno.

MetroPCS
Questo piccolo operatore telefonico americano ha perso ogni possibilità di competere con i più grandi concorrenti, T-Mobile, AT&T e Verizon. Gli investitori hanno abbandonato l'azienda, premendo le sue azioni passate da 17,84 dollari a 5,86 dollari. La concorrenza con le più grandi aziende ha cominciato a prendere un tributo significativo. Nel mese di maggio, alcuni analisti di Wall Street hanno detto che la società è in trattative con T-Mobile, che è di proprietà colosso europeo delle telecomunicazioni Deutsche Telekom. Mentre MetroPCS è troppo piccolo per sopravvivere da sola, la sua acquisizione darebbe a qualsiasi delle società una massa critica di clientela per poter dominare il mercato.

Avon
Il vecchio ceo di Avon, Andrea Jung, è stato estromesso alla fine dell'anno scorso ed è subentrato Sherilyn S. McCoy, ex di Johnson&Johnson. Uno dei problemi di Avon core è che il mercato dei cosmetici è altamente competitivo. Alcuni analisti hanno scritto in merito che “nonostante le iniziative di ristrutturazione che sono costati l'impresa quasi 800 milioni di dollari nel 2011, sembra sia un lento declino piuttosto che una sana crescita.  In Borsa il titolo scambia a circa 16 dollari dai 43 di quattro anni fa.
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X